venerdì, 28 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Eurostat e Istat, il saliscendi della disoccupazione
Pubblicato il 02-05-2017


eurostat

Il tasso di disoccupazione in Europa oggi è il migliore registrato dal mese di gennaio 2009. Lo afferma Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione Europea, con i dati pubblicati sui tassi di disoccupazione del vecchio continente relativi al mese di marzo 2017. Il tasso è di 9,5% in area euro e di 8,1% nell’Europa a 28 . Rispetto a un anno fa, marzo 2016, la disoccupazione cala in 23 Paesi su 28. Resta stabile in Austria e Francia. Cresce in Danimarca (dal 6% al 6,2%), in Italia (dall’11,5%all’11,7%) e in Lituania (dall’8% all’8,1%).

In termini assoluti, l’Italia è quarta nella graduatoria dei Paesi con più disoccupati , dopo la Grecia, al primo posto con un tasso del 23,5 %, la Spagna con il 18,2 % e Cipro con il 12,5 %.

I Paesi più virtuosi sono Repubblica Ceca e Germania dove la disoccupazione è rispettivamente a 3,2 e 3,9 per cento. Sul lungo periodo si registra un miglioramento: mai la disoccupazione nell’Europa a 28 era stata così bassa da gennaio 2009. Cala anche la disoccupazione giovanile (i disoccupati under 25) di circa due punti percentuali in un anno: dal 19,1% di marzo 2016 al 17,2% di marzo 2017.

Sempre dai dati diffusi oggi da Euristat, la Calabria risulta la regione europea che nel 2016 ha fatto registrare il maggior tasso di disoccupazione giovanile (58,7%). Peggio della Calabria soltanto Ceuta (69,1%) e Melilla (63,3%), le due “enclave” spagnole che però sono in terra d’Africa. In Germania le migliori regioni con tassi più bassi di disoccupazione tra i giovani.

Anche l’Istat ha comunicato oggi i dati provvisori sulla disoccupazione in Italia. Il tasso di disoccupazione a marzo risale all’11,7% con un aumento di 0,1 punti rispetto a febbraio e di 0,2 punti rispetto a marzo 2016. I disoccupati nel mese di marzo 2017 erano a quota 3,022 milioni con un aumento di 41.000 unità rispetto a febbraio e una crescita di 86.000 unità rispetto a marzo 2016. Il dato è legato principalmente al calo dell’inattività 15-64 anni (-0,1 punti) che a marzo era al 34,7%. Il tasso di occupazione è al 57,6%, invariato su febbraio e in crescita di 0,6 punti su marzo 2016.

In Italia, gli occupati a marzo sono diminuiti lievemente (-7.000 unità) rispetto a febbraio mentre sono cresciuti di 213.000 unità su marzo 2016. L’istituto sottolinea che a marzo gli occupati erano 22.870.000. Il tasso di occupazione a marzo era al 57,6%, invariato su febbraio e in crescita di 0,6 punti su marzo 2016. Si è registrata una crescita della forza lavoro. Gli inattivi nella fascia 15-64 anni sono diminuiti di 34.000 unità su febbraio e di 390.000 unità su marzo 2016.

Sorpasso storico dei disoccupati over 50 sui giovani.  A marzo 2017 i disoccupati con più di 50 anni hanno superato per la prima volta dall’inizio delle serie storiche mensili (2004) il numero dei disoccupati giovani tra i 15 e i 24 anni. In questo mese i disoccupati con più di 50 anni erano 567.000 a fronte di 524.000 di coloro che hanno meno di 25 anni. Rispetto a febbraio i disoccupati “anziani” sono aumentati di 59.000 unità, mentre i giovani in cerca di lavoro sono aumentati di 3.000 unità.

La disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni a marzo era al 34,1%, ai minimi da cinque anni. Per trovare un dato più basso, dalle rilevazioni dell’Istat, bisogna risalire a febbraio 2012 (33,4%). Il tasso di disoccupazione cala di 0,4 punti su febbraio e di tre punti su marzo 2016. Cresce anche il tasso di occupazione che in questa fascia di età tocca a marzo il 17,2% con un aumento di 0,4 punti su febbraio e di 0,8 punti su marzo 2016. Gli occupati under 25 sono 1.013.000 (+24.000 su febbraio +42.000 su marzo 2016).

Sia in Europa che in Italia, si dovrà fare i conti, in futuro, con l’uso crescente della robotizzazione nei processi produttivi. Il fenomeno non è certamente nuovo, ma sarebbe bene tenerne conto costantemente per tutti gli effetti prodotti nel sistema economico e sociale.

Salvatore Rondello

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento