giovedì, 22 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Juventus campione d’Italia, è lo scudetto dei record
Pubblicato il 22-05-2017


juventusI bianconeri battono 3-0 il Crotone e si aggiudicano lo scudetto per il sesto anno consecutivo, un record. Roma e Napoli hanno accorciato il gap ma sembrano bellissime torte senza ciliegina. Inter e Milan sperano nei soldi cinesi per spezzare un’egemonia che, altrimenti, potrebbe durare ancora a lungo. E il 3 giugno c’è la finale di Champions contro il Real Madrid: il sogno triplete per Buffon e compagni può diventare realtà

TORINO – E sono 6. La Juventus è campione d’Italia 2016/2017 ed entra nella storia: mai nessuna squadra in Italia aveva infatti vinto sei campionati consecutivi. Ci è riuscita la Vecchia Signora, merito di una dirigenza e di una squadra che, titolo dopo titolo, continua ad avere fame ed a non essere mai appagata. D’altronde discorsi simili non sono nemmeno ipotizzabili in una rosa di campioni, alcuni dei quali (Buffon su tutti) hanno vissuto l’incubo della Serie B per gli scandali di “Calciopoli” nel 2006. E’ proprio in seguito a quelle triste vicende, con la Juventus che aveva toccato il momento più basso della propria storia, che è iniziata un’inarrestabile risalita. Conte prima e Allegri poi hanno creato una vera e propria corazzata attualmente senza rivali in Italia e al livello delle big europee. Non a caso, dopo Coppa Italia e campionato, i bianconeri potranno completare, il prossimo 3 giugno a Cardiff, il “triplete” nella finale di Champions League contro il Real Madrid.

juve2I PROTAGONISTI – Doveroso iniziare dal capitano, Gigi Buffon. Ancora decisivo tra i pali a 39 anni suonati, leader carismatico dentro e fuori dal campo. Ha vinto quasi tutto, ma dà l’idea di non voler perdere nemmeno un torneo di briscola al bar con gli amici. La difesa poi continua a essere il punto di forza della Juventus: con la “BBC” (Barzagli, Bonucci, Chiellini) non si passa e le riserve (Benatia e Rugani) sono più che affidabili. Alex Sandro è senza dubbio il miglior terzino sinistro in Italia e forse in Europa, Dani Alves ha dimostrato di non essere arrivato a Torino per godersi una ricca pensione e Lichtsteiner continua di essere sempre affidabilissimo sulla corsia destra. A centrocampo Khedira è stato più forte degli acciacchi fisici che lo hanno tormentato per anni, Pjanic ha dato qualità in una mediana piena di muscoli con le rocce Sturaro e Rincon. Marchisio ci ha messo un po’ per riprendersi dal grave infortunio dell’anno scorso, ma è risultato prezioso come sempre, stesso discorso per i jolly Lemina e Asamoah. Cuadrado e Mandzukic da comprimari nella prima parte di stagione sono diventati insostituibili quando Allegri è passato al 4-2-3-1, Dybala è diventato un top player a tutti gli effetti confermando i numeri che aveva fatto vedere al Palermo e Higuain, decisivo in tutte le partite chiave, ha confermato di essere un cecchino in area. Poco spazio per Pjaca, fermato anche da un grave infortunio, ma è giovane e si farà. E poi un grande applauso a Massimiliano Allegri, capace con un viso angelico e sorridente di essere comunque un sergente di ferro in uno spogliatoio importante e alla società che sul mercato non ha sbagliato un colpo, sia in entrata che in uscita.

LE ALTRE ALZANO BANDIERA BIANCA – Roma, Napoli, Milan e Inter devono alzare bandiera bianca per l’ennesimo anno. Le prime due giocano benissimo, anche meglio della Juventus, ma manca quell’ultimo step per arrivare a vincere lo scudetto. Se però il campionato è rimasto aperto fino alla penultima giornata va dato atto a Spalletti e Sarri di aver ridotto sensibilmente il gap rispetto ai bianconeri. Ma ancora non basta. Negativa, quasi drammatica, invece la situazione delle milanesi, lontane anni luce dal livello di Buffon e compagni. La speranza è che con i tanti soldi delle nuove proprietà cinesi possano arrivare i campioni per riportare in alto le due squadre delle Madonnina. Ma non sempre i soldi fanno la felicità.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento