lunedì, 25 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pasticcio tedesco
Pubblicato il 16-05-2017


Non ne posso più di sentir parlare di modello tedesco al 50 per cento maggioritario e al 50 per cento proporzionale. Possibile che abbiamo a che fare solo con giornalisti e politici ignoranti? Il modello tedesco é tutto proporzionale e al 50 per cento i suoi eletti sono nei collegi uninominali. Ma la loro percentuale viene scorporata dalla quota in cui si presentano le liste (bloccate). Dunque il calcolo ë tutto proporzionale, con sbarramento al cinque per cento. Solo il Corriere oggi lo dice. Basta allora parlare di modello tedesco. Parliamo di Mattarellum che, anziché essere al 75 per cento maggioritario, lo diventa al 50. La verità è che tutti, a cominciare da Renzi, vorrebbero la legge che più li avvantaggia. I grillini sono per il premio di lista perché non sono coalizzabili, il Pd é per un maggioritario, l’Italicum 3 (dopo il primo bocciato dalla Corte e il secondo emendato dalla stessa Corte) senza coalizioni perché contrario all’alleanza cogli scissionisti e con una lista aperta spera di sfondare, Berlusconi pretende il premio alle coalizioni perché vuol presentarsi distinto dalla Lega lepenista di Salvini. Difficile immaginare un accordo. Le alleanze ipotizzabili: Renzi più Grillo per premio alla lista senza maggioritario (ma Renzi ne uscirebbe sconfitto), Renzi più Berlusconi, ma anche Bersani, per premio alla coalizione e proporzionale (idem come sopra). Le variabili: Renzi più Salvini e Alfano per il Mattarellum o tedesco ma con proporzionale a metà, oppure Renzi più Alfano, Nencini, Scelta civica, attuale maggioranza, per Mattarellum. Oppure Italicum tre, più Mattarellum, più tedesco, con quote di israeliano e giapponese. E fritto di pesce. Che mal di testa. Non se ne uscirà. Italia’s karma? Se delegassimo Gabbani, l’unico italiano, con Draghi, a farsi intendere in Europa….

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento