venerdì, 18 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pensione anticipata. Spunta l’ipotesi
della proroga
Pubblicato il 22-05-2017


Inail e Confindustria

AL VIA PREMIO IMPRESE PER SICUREZZA

Confindustria e Inail hanno di recente lanciato la V edizione del Premio Imprese per la sicurezza, con la collaborazione tecnica dell’Associazione Premio Qualità Italia (Apqi) e di Accredia, ente italiano di accreditamento. “L’iniziativa – ha spiegato Inail in una nota – ha lo scopo di diffondere la cultura della prevenzione premiando le aziende che si distinguono per l’impegno concreto e per i risultati gestionali conseguiti in materia di salute e sicurezza”. Il Premio, rivolto a tutte le imprese, anche non aderenti al sistema Confindustria, è assegnato per tipologia di rischio (alto o medio-basso) e per dimensione aziendale. Le imprese che intendono aderire all’iniziativa possono farlo attraverso il sito di Confindustria, cliccando sul banner del Premio, raggiungibile anche dal link Inail Prevenzione e sicurezza. Il termine ultimo per l’invio dei questionari on line è il prossimo 26 giugno alle ore 14. Le aziende che risulteranno finaliste potranno chiedere una riduzione del tasso di premio Inail tramite il modello OT24, secondo le modalità disponibili sul sito www.inail.it.

Inps

400 MILIONI DI VOUCHER VENDUTI IN OTTO ANNI

Da agosto 2008, inizio della sperimentazione sull’utilizzo dei voucher per vendemmie di breve durata, al 31 dicembre 2016 risultano venduti 400,3 milioni di buoni lavoro di importo nominale pari a 10 euro a 1.765.810 persone. La progressiva estensione degli ambiti oggettivi e soggettivi di utilizzo del lavoro accessorio è andata di pari passo con l’aumento della vendita dei voucher, che ha registrato un tasso di crescita del 58% dall’anno 2014 all’anno 2015, e del 24% dal 2015 al 2016. E’ quanto ha comunicato l’Inps, che ha precisato come, “in occasione di questo aggiornamento, sono stati effettuati una serie di interventi di normalizzazione dei dati relativi alle vendite: è stato eliminato l’effetto distorsivo recato dalle transazioni che, dopo l’emissione del voucher, non risultano andate a buon fine, e pertanto la banca dati riporta esclusivamente l’importo dei voucher per i quali risulta perfezionata l’operazione di vendita”.

Attualmente, ha riferito l’ente di previdenza, l’acquisto dei voucher presso i tabaccai è di gran lunga prevalente, con l’80% del totale venduto nel 2016. La tipologia di attività per la quale è stato complessivamente acquistato il maggior numero di voucher è il Commercio (17,4%). La consistenza della voce ‘altre attività’ (34,5%; include ‘altri settori produttivi’, ‘attività specifiche d’impresa’, ‘maneggi e scuderie’, ‘consegna porta a porta’, altre attività residuali o non codificate) è il riflesso della storia del lavoro accessorio, all’origine destinato ad ambiti oggettivi di impiego circoscritti (quindi codificabili), negli anni progressivamente ampliati, fino alla riforma contenuta nella legge n. 92 del 2012 che amplia di fatto l’utilizzo di lavoro accessorio per qualsiasi tipologia di attività.

Riguardo le aree geografiche, il ricorso ai voucher è concentrato nel Nord del paese. Guida la graduatoria il Nord-est con 146,3 milioni di voucher venduti incide per il 36,5%, mentre il Nord-ovest con 118,7 milioni di voucher venduti incide per il 29,7%. La regione nella quale si è avuto il maggiore ricorso ai voucher è la Lombardia, con 70,7 milioni di buoni lavoro venduti. Seguono il Veneto e l’Emilia Romagna.

Secondo quanto calcolato dall’Inps, il numero di lavoratori è cresciuto significativamente negli anni, mentre il numero medio di voucher riscossi dal singolo lavoratore è rimasto sostanzialmente invariato: circa 60-70 voucher l’anno. Poiché l’importo netto che il lavoratore riscuote per ogni voucher è di 7,50 euro, si ricava (come ordine di grandezza) che il compenso annuale medio netto oscilla attorno a 500 euro. Non ci sono differenze significative tra i sessi in termini di compenso.

L’età media è andata decrescendo fino al 2014, anno dal quale è stabile; il differenziale di età tra i sessi è sempre diminuito. La percentuale di femmine è progressivamente aumentata, ed è finora di poco superiore al 52%. La quota di lavoratori di cittadinanza extracomunitaria è lievitata costantemente e nel 2016 è di poco superiore al 9%. Non ci sono differenze significative nel numero medio di voucher riscossi rispetto alla cittadinanza.

Per ogni soggetto può essere calcolato il primo anno di lavoro accessorio, al fine di quantificare il numero di ‘nuovi’ lavoratori che accedono al sistema dei voucher: la quota di ‘nuovi’ lavoratori, maggioritaria, è andata progressivamente riducendosi negli anni. Su 1.765.810 lavoratori che hanno svolto attività nel 2016 il numero di ‘nuovi’ lavoratori è stato pari a 892.311, vale a dire il 51% (tale quota era del 71% cinque anni prima). Sempre per i 1.765.810 lavoratori che hanno svolto attività nel 2016 risulta che oltre la metà (53,7%) ha incassato nell’anno un numero di voucher minore o uguale di 40, e circa un lavoratore su dieci (10,9%) ha riscosso nell’anno più di 200 voucher.

Rischi per la salute

IN ITALIA CI SONO ANORA 650 CHILI DI AMIANTO PER CITTADINO

L’incendio sulla Pontina accende i riflettori sull’emergenza amianto in Italia. Fino al 1992 l’Italia è stato il secondo produttore europeo, dopo l’allora Unione Sovietica, e ancora ad oggi, su tutto il nostro territorio, ci sono circa 40 milioni di tonnellate di amianto e materiali che lo contengono in circa 50 mila siti e un milione di micrositi. A conti fatti, ogni italiano è minacciato da 650 chili di amianto, un record che non ci rallegra affatto, considerando i numeri della strage che esso provoca.

L’incognita dell’amianto nell’aria dopo il rogo nello stabilimento della Eco x

Secondo dati dell’Osservatorio nazionale sull’amianto, ogni anno nel nostro Paese avvengono 6.000 decessi per patologie asbesto-correlate; 1.900 sono i nuovi casi di mesotelioma, secondo i dati pubblicati da “I numeri del cancro in Italia 2016 di Aiom /Airtum”. Gli uomini sono esposti più delle donne: uno su 234 in Italia rischia di sviluppare questa patologia mentre per le donne la percentuale è di una su 785. I decessi oncologici per mesotelioma in entrambi i sessi si attestano al 4%.I pazienti ad oggi, in Italia, con diagnosi di mesotelioma sono 2.732.

Minacciate 2.400 scuole

Per quanto riguarda la mappa del rischio, ai primi posti ci sono purtroppo le scuole: in2.400 istituti sono presenti materiali di asbesto. Esposti al pericolo circa 350.000 studenti e 50.000 dipendenti, tra docenti e non. Negli ospedali, negli altri edifici pubblici, negli aeromobili, nelle navi e negli altri mezzi militari l’amianto è ancora largamente presente, e purtroppo continua e continuerà a mietere molte vittime. Si stima che saranno necessari ben 1000 anni per rimuovere totalmente ogni traccia di amianto in Italia. Il Presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha stimato, ottimisticamente, in 85 anni il tempo necessario per poter bonificare tutto l’amianto presente nel territorio nazionale. Nonostante la sua accertata pericolosità (anche Iarc, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro delle Nazioni Unite, ha infatti riconosciuto l’amianto come cancerogeno e ha chiesto di bandirne l’utilizzo in ogni sua forma), non esiste una normativa internazionale che ne limiti la produzione e la commercializzazione. La Confederazione Internazionale dei Sindacati (Ituc), e il Sindacato Mondiale dell’Industria (IndustriAll) hanno sostenuto dodici nazioni africane nel chiedere l’inserimento dell’amianto nella lista dei materiali pericolosi della Convenzione di Rotterdam i cui componenti si riuniranno, a Ginevra, entro il 5 maggio prossimo. Sono sessanta i paesi nel mondo ad aver bandito l’amianto.

Pensione anticipata

SPUNTA L’IPOTESI DELLA PROROGA

Sarebbe dovuta partire il primo maggio, come stabilito dalla Legge di Bilancio, e invece ancora si attende l’avvio dell’Ape social, la misura sperimentale che prevede l’anticipo pensionistico per soggetti in stato di bisogno con 63 anni di età e almeno 30 anni di contributi. Il decreto-attuativo è stato firmato dal premier Paolo Gentiloni lo scorso 18 aprile, tuttavia il suo iter si è arrestato dopo il parere emesso dal Consiglio di Stato. Palazzo Spada infatti suggerisce di modificare la platea dei beneficiari e le tempistiche per il riconoscimento delle domande da parte dell’Inps. Nello specifico, per poter estendere l’Ape social agli operai agricoli e a coloro che non hanno i requisiti per la Naspi (indennità di disoccupazione) e sono disoccupati da almeno 3 mesi è necessario cambiare la legge. Tra le modifiche da apportare al provvedimento anche la proroga del termine per la presentazione delle domande “almeno al 31 luglio”. Inoltre, dovrà essere riconosciuta la decorrenza retroattiva per consentire ai soggetti interessati di poter beneficiare dei trattamenti dal termine fissato dalla legge al primo maggio. “Palazzo Chigi sta predisponendo il testo del decreto sull’Ape Social a seguito delle valutazioni del Consiglio di Stato”, ha spiegato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, aggiungendo che il provvedimento sarà pronto “fra qualche giorno”. Seguiranno poi il vaglio della Corte dei Conti e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Per ora, comunque, le domande non possono essere presentate tanto che risulta sempre più plausibile l’ipotesi di una proroga di 15 giorni per la presentazione della domanda per il riconoscimento delle condizioni d’accesso alla prestazione (al 15 luglio) e per la redazione delle graduatorie (al 15 ottobre). Tema che sarà sul tavolo del prossimo incontro tra Governo e sindacati previsto per il corrente mese di maggio. Riguardo l’Ape volontaria invece, il ministro Poletti ha chiarito che “è pronta” ma che “è il ministro dell’Economia che ha il controllo puntuale del procedimento”. In questo caso il ritardo è superiore a quello dell’Ape sociale in quanto il decreto su questa seconda misura sperimentale non è ancora stato presentato al Consiglio di Stato. Il prestito sulla futura pensione potrà essere richiesto dai lavoratori con almeno 63 anni di età e 20 anni di contributi fino al 31 dicembre 2018. Ma quando diventerà operativo?

Carlo Pareto

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento