venerdì, 22 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Piemonte, parte il piano per le case della salute
Pubblicato il 15-05-2017


regione piemonteSono 66 i progetti delle Case della Salute che la Giunta regionale avvierà e finanzierà nel corso del 2017. Il provvedimento che stanzia la prima tranche di 4 milioni di euro da destinare alla partenza delle attività sarà approvato nei prossimi giorni, ma questa mattina l’assessore regionale alla Sanità ha illustrato l’intero piano nel corso della riunione di Giunta.

Le Case della Salute sono veri e propri centri attrezzati aperti 12 o 24 ore al giorno, in cui vengono ospitati ambulatori, medici di famiglia, specialisti e infermieri, punti prelievi e servizi assistenziali. L’istituzione di questa nuova rete sul territorio ha come obiettivo il miglioramento dell’appropriatezza delle prestazioni fornite, in particolare alla luce del progressivo invecchiamento della popolazione e dell’aumento delle malattie croniche, e di conseguenza la riduzione degli accessi ospedalieri impropri, che contribuiscono a generare il sovraffollamento dei pronto soccorso.

L’investimento complessivo per quanto riguarda il 2017 è di 13,3 milioni di euro, 8 milioni messi a disposizione dalla Regione, il resto a carico delle Asl. Lo stanziamento sarà utilizzato principalmente per nuove assunzioni di infermieri e altro personale sanitario, per gli incentivi a medici di famiglia e pediatri, per l’informatizzazione di tutti i servizi offerti e per l’acquisto delle attrezzature. Le Asl hanno 45 giorni di tempo dall’approvazione del documento per presentare un crono-programma operativo per il funzionamento delle strutture nel triennio 2017-2019.

Il piano, elaborato al termine di una approfondita consultazione con organizzazioni sindacali, operatori e rappresentanti delle categorie, prevede anche un costante monitoraggio dei risultati ottenuti, con una particolare attenzione alla riduzione del tasso di ospedalizzazione per complicanze delle patologie croniche, alla diminuzione dell’accesso in pronto soccorso di codici bianchi e verdi, al miglioramento dell’appropriatezza clinica e organizzativa dei ricoveri, alla riduzione delle prestazioni ambulatoriali ripetute e al contenimento del consumo di farmaci per i malati cronici.

I 66 progetti finanziati includono 32 nuove realizzazioni e 34 potenziamenti di realtà esistenti. Tre le tipologie previste per le Case della Salute: strutturali, in cui tutti i servizi sono concentrati in un’unica sede, funzionali, in cui è previsto il coordinamento fra più medicine di gruppo e poliambulatori, oppure strutturali funzionali, in cui prevale un modello misto.

Ecco come saranno dislocate le Case della Salute:

Asl Città di Torino – Quattro “hub” tutti da attivare a cui faranno riferimento altri centri definiti antenne o “spoke”: Oftalmico/Valdese (con il poliambulatorio di corso Corsica collegato), il presidio Valletta di via Farinelli (antenne via Monginevro e via Gorizia), Amedeo di Savoia (antenne via Pacchiotti, via Del Ridotto e corso Toscana), lungo Dora Savona (con via Montanaro, l’Rsa di via Andorno e via Paisiello).

Asl To3 – Si tratta di 11 strutture: saranno potenziate o riconvertite Borgaretto di Beinasco, Torre Pellice, Cumiana, Vigone, Pomaretto, Pianezza, Giaveno, Susa, Avigliana, attivate ex novo Rivoli e Venaria.

Asl To4 – Sono in tutto 6: potenziate Brandizzo e Castellamonte/Rivarolo, da attivare Leinì, Settimo, Lanzo e Caluso.

Asl To5 – Sono previste 7 Case della Salute: Carmagnola, Carignano, Chieri, Moncalieri e Nichelino (tutte da attivare) più il potenziamento di Pino Torinese e La Loggia.

Asl Vc – Cinque strutture, una da attivare a Cigliano e quattro da potenziare a Santhià, Gattinara, Varallo e Coggiola.

Asl Bi – Sono 4, tutte da attivare. Le prime due verranno collocate a Cossato/Trivero e Biella, le altre due (una delle quali pediatrica) saranno fra Biella e Cossato.

Asl No – In totale sono 7. Si parte dal potenziamento di Arona, a cui sono collegate le sedi di Ghemme e Oleggio, da attivare due strutture a Novara, una a Borgomanero e una a Trecate.

Asl Vco – Quattro Case della Salute: da potenziare Omegna e Cannobio, da attivare Verbania e Crevoladossola.

Asl Cn1 – Sono 4 fra cui una nuova (Boves/Busca) e tre da potenziare a Demonte, Saluzzo e Fossano.

Asl Cn2 – Due strutture, entrambe già esistenti e da potenziare, a Bra e Montà d’Alba.

Asl At – Sono in totale 6: Nizza Monferrato, Villafranca, Canelli, San Damiano d’Asti (tutte da potenziare), Montiglio e Villanova d’Asti (da attivare).

Asl Al – Sei strutture anche qui: da potenziare il progetto Picasso a Ovada, poi Valenza e Castellazzo Bormida, da attivare Arquata Scrivia, Castelnuovo Scrivia e Moncalvo.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento