venerdì, 17 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Riflessioni sul Primo Maggio
Pubblicato il 02-05-2017


Gli imprenditori, i banchieri e i padroni di ogni genere, stanno facendo pagare ai proletari i costi della crisi. Adesso dicono che “il peggio è passato”, ma è soltanto l’ennesima menzogna. Intanto, noi continuiamo a pagare. Questa è una crisi strutturale che investe tutto il mondo capitalista e tutti i settori economici. La crisi è generalizzata ed è l’inevitabile approdo di un sistema dominato dalla logica del profitto, governato da leggi contraddittorie quanto barbare. La crisi continuerà a far sentire i propri effetti e i padroni continueranno a farcela pagare. Sono decenni che ci chiedono di fare sacrifici: le ristrutturazioni industriali, i licenziamenti, la precarietà, l’aumento dei ritmi di lavoro, i tagli alle pensioni e allo “stato sociale”, la perdita del potere d’acquisto. Noi, di sacrificio in sacrificio, stiamo diventando tutti poveri, questa è la verità. Sono sempre di più quelli che non riescono a tirare avanti.

Questo sta accadendo non solo in Italia, bensì pure in Francia e in tanti altri paesi europei. La risposta dei lavoratori e delle masse popolari in crisi, è una rabbia cieca che si rivolge contro il cosiddetto “establishment” tramite l’espressione di un voto per la “destra populista”, che sa cavalcare tale onda emotiva: in Italia è la Lega di Salvini (ma pure i 5 Stelle), in Francia è il partito di Le Pen, negli USA quel coglione di Trump. In Italia, le elezioni degli ultimi anni hanno segnato una pesante sconfitta e un arretramento per quei partiti istituzionali che si collocano a sinistra del PD. Questi partiti sono concretamente inutili, inutili per il proletariato e le classi lavoratrici, inutili per il programma e la causa del comunismo rivoluzionario e lo sono non solo e non tanto per l’incapacità di questo o quel gruppo dirigente, ma per la propria natura politica. Sono dei partiti borghesi, borghesi per la loro provenienza e soprattutto per quanto propongono. Questi partiti non sono mai stati portatori di una reale alternativa al sistema capitalista, ma – nel migliore dei casi – sono stati portatori solo di una “cura riformista”. Perciò dobbiamo aprire gli occhi ed impegnare le nostre energie per un’autentica attività rivoluzionaria.

Lucio Garofalo

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Lucio
    Molti potrebbero giudicare il tuo linguaggio come la più pura espressione massimalista e testimonianza di un passato che non potrà ritornare. Ma io invece, sebbene convinto riformista, nutro grande rispetto per la tua posizione e condivisione per la denuncia dei costi della crisi a carico dei lavoratori e per l critiche previsioni del futuro, contro le cui nefaste conseguenze non esiste un Progetto della Sinistra in grado di poterlo indirizzare verso un nuovo Modello di sviluppo.
    Caro Lucio: sentimi fraternamente vicino come un compagno socialista
    Nicola Olanda

Lascia un commento