domenica, 23 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma. Tre sorelle rom bruciate vive
Pubblicato il 10-05-2017


Rogo-Roma-12-990x660A Roma tre sorelle di 20, 8 e 4 anni sono morte mentre il camper dove dormivano andava a fuoco. Si tratterebbe di incendio doloso, la Procura di Roma sta infatti indagando per omicidio volontario e incendio doloso: una telecamera avrebbe ripreso una persona mentre lancia contro il camper un bottiglia incendiaria. Sono state trovate tracce di liquido infiammabile.
Francesca Halinovic del 2009, Angelica Halinovic del 2012 ed Elisabeth Halinovic del 1997 dormivano nel camper con i loro 8 fratelli, tutti bambini. Una famiglia di etnia rom, composta dai genitori e da 11 figli. Alle tre di notte le fiamme hanno avvolto il veicolo parcheggiato nel centro commerciale in via Mario Ugo Guattari, zona Casilino. Alcuni di loro sono riusciti a uscire in tempo dal camper e altri sono stati estratti e aiutati dai Vigili del Fuoco, arrivati sul posto pochi minuti dopo l’allarme. Sul posto sono intervenuti anche i poliziotti della Squadra Mobile, della Digos e dei commissariati di Tor Pignattara e Prenestino. La Scientifica sta compiendo tutti i rilievi anche per accertare le cause del rogo. I superstiti del rogo hanno raccontato agli investigatori di aver ricevuto minacce ricevute recentemente.
“C’è stato un rogo dove sono morte tre persone, due bambine e una ragazza di 20 anni. Esprimiamo il nostro cordoglio: quando ci sono delle vittime si rimane un attimo in silenzio. La Procura sta indagando sulle cause, vi daremo aggiornamenti quando ne avremo”, ha detto il sindaco di Roma, Virginia Raggi.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento