martedì, 25 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Tobia Desalvo:
Considerazioni sul nostro Partito
Pubblicato il 11-05-2017


Caro Direttore,

colgo l’occasione del tuo recente articolo sulle primarie del PD, per esprimere le mie considerazioni sul fatto che ritengo che il nostro PSI non abbia le caratteristiche sufficienti per essere considerato né partito né portatore di futuro ed esprimo la mia sensazione con la schiettezza che il mio affetto per questo Partito e la sua storia mi consente.

Dal punto di vista delle politiche di governo la cifra dell’azione del PSI è la criminalizzazione degli automobilisti, dal punto di vista della composizione delle idee interne siamo malinconicamente rivolti a non scontentare le vecchie parole d’ordine più di “sinistra” e dal punto di vista organizzativo facciamo i Congressi al contrario, evitando ogni eventuale forma di partecipazione e innovazione. Risultiamo a tutti gli effetti un ceto politico insediato qua e là, parte della mediocre ritirata della classe dirigente nazionale.

Mi sono iscritto da qualche anno in quanto convinto craxiano postumo (nato nel 1980 non avrei potuto esserlo subito), ma purtroppo di quella stagione di coraggio e riforme rimane dentro di noi solo l’astio per i comunisti e nulla di ciò che potrebbe connetterci a un percorso di innovazione, europeismo e futuro come quello ora in corso in Francia, fondato sulla difesa del secolo dei lumi e degli strumenti del libero mercato. Deduco che l’esperienza craxiana sia durata troppo poco e finita troppo male per aver potuto seminare a sufficienza, e che i semi germogliati si siano purtroppo allontanati dall’involuzione del PSI a proposito del quale, ad ogni modo, ringrazio ancora chi lo ha trasportato fin qui per avermi consentito di frequentarlo.

Dunque, in questo contesto liquido trovo normale che si partecipi alle primarie del PD, “partito” al quale è ora affidata la difesa di quello spazio che i socialisti in Europa occupano, e che non sia ora il punto “tecnico” quello decisivo ma che occorra partire da una particolare attenzione ai nodi politici che ci attanagliano per scioglierli e non rimanervi soffocati.

Un caro saluto

Tobia Desalvo

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento