mercoledì, 28 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

TIM. Vivendi vince, oggi prima riunione in CDA
Pubblicato il 05-05-2017


 

vivendiVittoria di misura per la lista di Vivendi nella corsa al Cda di Telecom. La rosa dei francesi, composta da 10 candidati, si è affermata come lista di maggioranza con uno scarto di solo lo 0,3% dei voti rispetto alla lista presentata dai fondi. A favore di Vivendi si è espresso il 49,37% del capitale presente in assemblea mentre la lista dei fondi è stata votata dal 49,005 per cento. In precedenza il bilancio e il pagamento del dividendo privilegiato era stato approvato con il voto favorevole del 97,3% del capitale votante.
Nominato dall’assemblea il nuovo Cda di Telecom Italia. Le deleghe saranno attribuite oggi venerdì 5 maggio nel corso della prima riunione del board, convocata a Milano. Resta tuttavia l’incognita di chi sarà il futuro Presidente, mentre non sussistono dubbi sulla conferma di Flavio Cattaneo come Amministratore delegato
“Il meglio deve ancora venire”, assicura Vivendi ai fondi e ai piccoli soci di Tim riuniti per approvare il bilancio e aprire, con il rinnovo del board, un triennio sotto la bandiera francese. La società telefonica potrebbe presto tornare a distribuire il dividendo, che manca da 4 anni, e tornare a crescere anche per quote di mercato. Sono le novità dall’assemblea 2017, dove invece era scontato l’ok dei soci al bilancio e persino alle nomine dei nuovi 15 consiglieri anche se il dissenso dei fondi si è fatto sentire, e forte. Sarà inoltre il cda, nella riunione che si terrà venerdì mattina, ad assegnare le deleghe sia per l’ad (scontata la riconferma di Cattaneo) che per il presidente (anche se al termine dell’assemblea Asati ha chiesto che fosse votato dai soci).
Vivendi ha inoltre offerto concessioni all’autorità antitrust europea che sta valutando l’ipotesi di controllo di Telecom Italia (Tim), si legge sul sito web della Commissione Europea, che ha portato la scadenza per una decisione al 30 dal 12 maggio.
“Torneremo a una crescita strutturale, conquistando quote di mercato” è l’impegno del manager Cattaneo che ha il pieno sostegno del suo azionista di riferimento. E “il meglio deve ancora venire” assicura Arnaud de Puyfontaine che scommettendo su Telecom lancia la sfida latina ai player anglosassoni.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento