giovedì, 22 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Valentino, che paura: trauma toracico dopo caduta da motocross
Pubblicato il 26-05-2017


valentino rossiOre di apprensione per il campione italiano, ricoverato giovedì all’ospedale “Infermi” di Rimini per un trauma toracico-addominale in seguito a una caduta mentre si allenava presso il cross park di Cavallara, vicino il Ranch di Tavullia. Dovrebbe essere dimesso venerdì sera: “Sto meglio”

RIMINI – Attimi di paura per tutti i fan di Valentino Rossi. Il 35enne pilota della Yamaha ha rimediato una brutta caduta mentre si allenava presso il cross park di Cavallara, a mezzora dal Ranch di Tavullia. Il “Dottore” è stato ricoverato all’ospedale “Infermi” di Rimini e ha rimediato una trauma toracico-addominale. Fortunatamente sono escluse lesioni e la buona notizia è che in questo weekend la MotoGp è ferma: il prossimo appuntamento è il 4 giugno al Mugello dove Rossi farà di tutto per esserci. Ma la sua presenza non è in dubbio.

STO MEGLIO” – Dopo la paura di giovedì, è arrivato un grosso sospiro di sollievo nella giornata di venerdì. Questo il comunicato della Yamaha: “Sta facendo progressi positivi. Ha passato una notte tranquilla ed è stato visitato stamani. Ha detto di sentire meno dolore al tetto e all’addome, rispetto alla notte. Il dolore è la conseguenza di una lesione al fegato e ai reni che non si è però evoluta in maniera complicata. Continuerà a riceve cure antidolorifiche e, alla fine della giornata, verrà sottoposto a un test diagnostico di routine. Se il risultato sarà positivo, potrebbe lasciare l’ospedale”. Valentino ha già ritrovato il sorriso con un selfie pubblicato sulle sue pagine social. La paura è passata.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento