giovedì, 22 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alitalia corre ai ripari, Gubitosi scrive ai dipendenti
Pubblicato il 14-06-2017


lavoratori-alitaliaAlitalia vola basso, ma resiste. L’ex Compagnia di bandiera poche ore fa ha chiesto la protezione del tribunale fallimentare americano per non perdere l’accesso allo scalo Jfk di New York, a rilevare la notizia il Wall Street Journal. In particolare la protezione del capitolo 15 è una fattispecie della procedura fallimentare relativa ai casi di insolvenza internazionale e si usa per bloccare istantaneamente azioni legali e sequestri di beni da parte dei creditori.
Nel frattempo nel nostro Paese il commissario straordinario dell’Alitalia, Luigi Gubitosi, anche a nome degli altri due suoi colleghi Enrico Laghi e Stefano Paleari, nell’informativa su maggio ai dipendenti scrive ai dipendenti per evitare lo sciopero ipotizzato nei prossimi giorni per i lavoratori Alitalia, perché si tratterebbe di “un grosso regalo alla concorrenza”.
Inoltre nella lettera i commissari fanno il punto sullo stato della situazione della compagnia: a maggio, dicono, il fatturato è cresciuto, attestandosi a 250 milioni di euro contro il 240 dell’anno precedente. Inoltre per tracciare una linea di ‘rottura’ fanno sapere che “in un ottica di rafforzamento manageriale e discontinuità con il passato, circa il 25% dei dirigenti è stato o sarà avvicendato entro il mese di giugno”.
Ma sotto esame è la struttura dei costi: alla ricerca di risparmi significativi, i commissari stanno mettendo sotto esame i leasing, i contratti esterni di manutenzione, i contratti IT, il catering.
Nel frattempo sono arrivate 32 manifestazioni di interesse, tra le quali quella di Easyjet che conferma l’interesse per Alitalia ma non fornisce dettagli sulle sue intenzioni perché il governo italiano ha chiesto di non rilasciare dichiarazioni. A renderlo noto l’amministratore delegato del vettore britannico Carolyn McCall a margine della consegna del primo jet A320.
Sullo sciopero annunciato restano tutt’ora i dubbi: oggi ci sarà un nuovo incontro con i sindacati che attendono la risposta della compagnia sulla richiesta di prorogare il contratto attuale fino a fine ottobre.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento