sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma, 28 giugno Turchia e diritti umani;
Bari, 30 giugno – 1 luglio, 125 anni di socialismo italiano
Mantova, 3 luglio secondo memorial “Gianni Usvardi”,
Pubblicato il 19-06-2017


Roma, mercoledì 28 giugno alle ore 12.00 conferenza stampa: “Turchia e diritti umani”. Con Safak Pavey, Pia Locatelli, Fabrizio Cicchitto, presso la Commissione Esteri della Camera la deputata turca Safak Pavey, del partito Repubblicano del Popolo CHP, illustrerà alla stampa un rapporto sulla drammatica situazione dei detenuti e delle carceri turche e le violazioni dei diritti umani. Alla conferenza stampa, organizzata dal gruppo PSI, parteciperanno la capogruppo Pia Locatelli, presidente del Comitato Diritti umani della Camera, Fabrizio Cicchitto presidente della Commissione Esteri, il giornalista Mariano Giustino in diretta da Ankara e il deputato PSI, Oreste Pastorelli.
Al termine Safak Pavey verrà audita dal Comitato Diritti umani della Camera. Per i giornalisti non accreditati è necessario confermare la presenza con una mail rispondendo a questo indirizzo o al numero 3358941726 (Emanuela Sanna ufficio stampa)

bari21

Mantova, lunedì 3 luglio al Boschetto (Curtatone) dalle ore 18.30 si svolgerà, organizzato dalla nostra Federazione, il secondo memorial “Gianni Usvardi”, un triangolare di calcio a 7, cui parteciperanno le selezioni della onlus “Elio’s” del comune di Mantova, capitano il sindaco Mattia Palazzi e del PSI.  In questi giorni stiamo definendo la formazione che dovrà difendere l’onore socialista, per confermare il successo del 2016 e chi desiderasse giocare, può contattare telefonicamente al 3355276714 Michele Chiodarelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. E intanto in Turchia Erdogan cancella Darwin dai programmi dei liceo. Prosegue senza soste il processo di islamizzazione in quella che era dai tempi di Ataturk la laica Turchia. Questa volta a farne le spese è il sistema educativo. A partire dal 2019, nei programmi scolastici dei licei, non sarà più previsto l’insegnamento della teoria dell’evoluzione di Darwin. La decisione, non ancora ufficializzata, è stata però già annunciata pubblicamente da Alpasian Durmus, dirigente del ministero dell’educazione. La bozza prevede l’esclusione della sezione “Origine della vita ed evoluzione” dai corsi di biologia. Immediate le critiche dell’opposizione e del mondo accademico turco, che ha chiesto al governo di Recep Tayyp Erdogana una marcia indietro, sottolineando come l’evoluzionismo sia escluso dai programmi scolastici solo in Arabia Saudita.

  2. Leggo sulla Gazzetta di Modena di oggi che è in atto un nuovo giro di vite contro attivisti per i diritti umani in Turchia. Dopo l’arresto il mese scorso del presidente Taner Kilic, nel mirino è finita ancora una volta Amnesty International. La polizia ha compiuto un blitz in un hotel a Buyukada, una delle isole al largo di Istanbul sul mar di Marmara, dove esperti e operatori di ong erano riuniti per un workshop sulla sicurezza informatica. In manette sono finite 12 persone, tra cui la direttrice di Amnesty nel paese Idil Eser, e altri nove attivisti, appartenenti a varie organizzazioni locali impegnate nella difesa dei diritti umani. Tra i fermati anche due stranieri, un tedesco e uno svizzero, presenti al seminario come consulenti e moderatori, e il proprietario dell’albergo poi rilasciato.

Lascia un commento