venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Draghi: “Dal QE Europa in crescita del 3,6%”
Pubblicato il 28-06-2017


draghi-6“Tutti i segnali ora indicano un rafforzamento e un ampliamento della ripresa nell’area Euro. Le forze deflazionistiche sono state sostituite da quelle reflazionarie”, ha osservato Draghi aprendo il “Forum on Central Banking” a Sintra, in Portogallo. “Un considerevole grado di accomodamento monetario è ancora necessario per far sì che le dinamiche dell’inflazione diventino durature e indipendenti”.
Dall’inizio del Quantitative easing, il programma di acquisto di titoli di Stato, nel gennaio 2015, il Prodotto interno lordo dell’Eurozona è cresciuto del 3,6%. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, intervenendo nel corso del forum della banche centrali a Sintra, in Portogallo. Draghi ha sottolineato anche che la crescita della zona euro è stata superiore a quella degli Stati Uniti “dopo il Qe1 e il Qe2 nello stesso periodo”. Dal gennaio 2015, “l’occupazione è cresciuta di oltre quattro milioni”, ha concluso.

“L’economia migliora, ma prudenza sul rientro del Qe” 
La ripresa nell’Eurozona è “al di sopra del trend e ben distribuita, ma dobbiamo persistere nella nostra politica monetaria”, ha proseguito Draghi. “Serve prudenza” con un aggiustamento graduale dello stimolo della Banca centrale europea.

“Il vento è cambiato a favore delle riforme Ue” 
Nell’Eurozona “c’è una ritrovata fiducia nel processo di riforma e nel sostegno alla coesione che potrebbero aiutare a liberare domanda e investimenti”, ha affermato ancora il presidente della Bce. “Per anni l’Eurozona è stata avvolta in una nube d’incertezza sulla possibilità di realizzare le necessarie riforme sia a livello nazionale che dell’Unione, ma oggi le cose sono cambiate e sul versante politico spirano venti a favore”.

Nell’Eurozona “c’è una ritrovata fiducia nel processo di riforma e nel sostegno alla coesione, che potrebbero aiutare a liberare domanda e investimenti”. “Per anni – ha detto Draghi – l’Eurozona è stata avvolta in una nube d’incertezza sulla possibilità di realizzare le necessarie riforme sia a livello nazionale che dell’Unione”, un freno alla fiducia e agli investimenti. “Oggi le cose sono cambiate” e sul versante politico “spirano venti a favore”.
Il Presidente della Bce, insomma, difende l’impatto delle politiche di stimolo adottate dalla banca centrale nei confronti dei giovani cittadini europei sostenendo che i bassi tassi di interesse hanno contribuito a creare posti di lavoro e, a ridurre la disuguaglianza: “Lo scenario economico è migliorato e la politica monetaria ha giocato il suo ruolo”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento