sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il candidato che voleva abolire la morte
Pubblicato il 23-06-2017


Ne hanno parlato i giornali. Ma é il caso di tornarci su. Questo signor Torre, piacentino, presenta una lista alle comunali con un programma tra l’allucinazione e la demenza: abolizione della morte. Poi creazione in pieno centro di un vulcano, che serva come attrazione turistica ma pure come pista da sci e smaltimento dei rifiuti. Quindi risoluzione del traffico rendendo navigabile il centro storico, costruzione di un muro per evitare che quei rompicoglioni di Pontenure arrivino e rovinino la razza piacentina, Viagra gratuito per chi ha più di 45 anni, sostituzione dell’acquedotto con un vinodotto. E via di questo passo. Lui si presenta come un mago o un prestigiatore d’alto bordo con un cilindro alla Rino Gaetano. Non parla, sentenzia. Tutti capiscono che gioca con la follia. Invece in parte non ci fa. Ha una malattia rara e genetica fin dalla nascita, una sorta di distonia che gli blocca i movimenti. E’ stato operato recentemente e adesso vive con due computer a pile piantati nel petto che rischiano di scaricarsi ogni quattro o cinque anni. Nel frattempo ha deciso di sfidare il mondo, la logica, la razionalità e il buon senso. Presentandosi alle comunali di Piacenza. Ha avuto successo, raccogliendo il 4.28 per cento. Oltre 1800 piacentini che sperano nell’immortalità? No. Cittadini che dimostrano non solo che viviamo in un altro mondo. Ma anche, forse, fuori dal mondo. Più che psicanalizzare il candidato bisognerebbe psicanalizzare gli elettori. Messa in altro modo potremmo anche sostenere che quasi il 96 per cento degli elettori piacentini preferisce morire. Una città di depressi?

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento