mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Cappotto
Pubblicato il 27-06-2017


Non c’è bisogno delle analisi degli istituti specializzati per valutare i risultati delle ultime amministrative. Il Pd ne è uscito a pezzi. A Renzi i votanti e i non votanti hanno confezionato un vero e proprio “capotto”. Punto e basta.
Nei 25 capoluoghi di provincia in cui si è votato, tra primo e secondo turno, il centrosinistra passa da 16 a 6 comuni amministrati. Nei 19 ballottaggi il Pd è sconfitto in 15. Il centrosinistra esprimeva il sindaco in 64 comuni su 110, oggi gliene sono rimasti solo 34. Già nella prima tornata, un quarto dei votanti del Pd aveva abbandonato il partito votato fino allora. Insomma Caporetto.
Renzi ha addossato il peso del cappotto alla litigiosità nel Pd e non alla sua politica scriteriata di alleanze e ai suoi velleitarismi incostituzionali. Il che è una sciocchezza, tuttavia è pur sempre un parere, e lo rispettiamo come tale, sorridendo con compatimento. Ciò che inquieta è invece la contentezza ostentata da Renzi per un «centrosinistra ancora in vantaggio (67 comuni) sul centrodestra (59)». Facendo un minestrone tra comuni senz’altro minori e le grandi città, tutte perse, tranne Palermo dove il Pd si è impudicamente annesso la vittoria che è tutta di Leoluca Orlando, il quale si offende pure se qualcuno lo apostrofa come uomo piddino.
La domanda inquietante è questa: è possibile che nel Giglio magico non ci sia proprio nessuno con un grano di sale in zucca che tiri per la giacchetta il leader-bambino e gli dica: «Caro Matteo, ma non ti accorgi che se affermi che abbiamo retto o addirittura siamo in vantaggio, ti fai solo ridere dietro e fai la figura dell’imbecille convinto che tutti gli italiani siano idioti? Pensi davvero che gli italiani siano contenti ad apprendere che tu hai una così bassa stima della loro intelligenza? Ma non ti accorgi che, se continui a prendere per i fondelli i cittadini così apertamente con le tue patetiche bugie, il tuo è un suicidio perfetto?».
E invece tutti zitti. Possibile che nel Giglio magico siano tutti al livello di Lotti?

Enzo Marzo
Critica Liberale

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento