venerdì, 17 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La fola di Airola
Pubblicato il 07-06-2017


C’era una volta una bella canzone di Jannacci e Fo su prete Litprando che sfidò l’arcivescovo di Milano camminando sui carboni accesi a piedi nudi. Uno spettatore venuto appositamente da Como esclamò sbigottito: “Che piedi lunghi”. Stonato assai. Questo Airola, punta di diamante dello schieramento pentastellato, subito dopo i drammatici incidenti di Piazza San Carlo a Torino, ha dichiarato che 1500 feriti erano troppi e che si esagerava per colpire la giunta Appendino. Come diceva Virgilio a Dante vien voglia di esclamare: “Non ti curare di loro, ma guarda e passa”. Se non fosse che di loro si occupa il popolo italiano, attribuendo ai Cinque stelle una percentuale attorno al 30 per cento. Troppi, per usare il detto di Airola. Per l’Italia non c’é dubbio…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento