giovedì, 22 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Celso Vassalini:
Il re è (quasi) nudo
Pubblicato il 08-06-2017


Cortese Direttore,
Il re è (quasi) nudo anche i populisti nipoti del gattopardismo – , l’atteggiamento (tradizionalmente definito come trasformismo), un problema tecnico e per pochi secondi la falsità del MoVimento 5 Stelle è venuta a galla. Per pochi secondi il voto è stato palese, loro hanno votato a favore questa è la prova. Accusavano gli altri di avere franchi tiratori, ma il tabellone parla chiaro, chi farà fallire gli accordi sulla legge elettorale è il partito di Beppe Grillo. Nella votazione di oggi è mancata la trasparenza. Il voto segreto non ha senso, l’eletto deve rispondere delle sue azioni ai cittadini con un voto palese. Se questo è vero in generale, per il MoVimento 5 Stelle, che fa della trasparenza uno dei suoi punti cardinali, vale ancora di più. Per questo vorrei che i senatori del M5S dichiarino il loro voto. I #M5S dicono una cosa e poi ne fanno un’altra. Questa è la prova quando, per un attimo, il voto segreto diventa palese. Come possono gli italiani fidarsi di chi non rispetta la parola data? Irresponsabilità totale Movimento 5 Stelle alla Camera dei deputati fa saltare la legge elettorale. Salta patto per regole condivise. Ecco chi vuole male al Paese. I #M5S dicono una cosa e poi ne fanno un’altra. Questa è la prova quando, per un attimo, il voto segreto diventa palese. Come possono gli italiani fidarsi di chi non rispetta la parola data? Irresponsabilità totale Movimento 5 Stelle alla Camera dei deputati fa saltare la legge elettorale. Salta patto per regole condivise. Ecco chi vuole male al Paese. “Alla fine i grillini hanno scelto: preferiscono restare un partito di protesta, antisistema. Quando devono assumersi responsabilità, fanno marcia indietro. Ci sono due strade da prendere: o si torna in commissione o si cerca una nuova maggioranza attorno a un sistema maggioritario proprio perché una legge elettorale è necessaria”.

Celso Vassalini

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento