martedì, 25 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Massimo Sagramola
Il Sudamerica della Vita in Diretta Estate
Pubblicato il 27-06-2017


Nel programma La Vita in Diretta Estate si parla di crimine ed altri alti argomenti.

La direttrice del settimanale di gossip Silvana Giacobini è interpellata per dare il suo prezioso contributo, su temi a lei pertinenti e cari come il principe Harry di Windsor o sulle dinamiche di coppia tra Donald e Melania.

Ma è sulle soluzioni per fare pagare veramente i malviventi che dà il suo meglio, sostenendo che bisogna requisire delle caserme ed adibirle a carceri per risolvere il problema del sovraffollamento e delle scarcerazioni.

Non una parola, sulla pena come correttivo, né una parola su dati concreti quali costi, assistenza, personale.

Sembrava riapparire lo stadio dove Pinochet ammassava i malcapitati.

Benedetta Rinaldi, apparentemente, non è in grado di una benché minima analisi sociologica e si limita a fare solo due facce, quella sorridente (con la bocca aperta, tipo una bambina) o quella più seria quasi accorrucciata (tipica sempre delle bimbe).

Paolo Poggio ad un certo punto si lascia sfuggire qualcosa sul giustizialismo, quasi abbia capito la piega che ha preso il bel programma pomeridiano, tra chiacchiere in libertà, casi di cronaca e gossip.

Molti anni fa, in Sudamerica mentre ero con mia madre che all’epoca era una brava fotoreporter, ci capitò di vedere dei giornali settimanali, dove venivano pubblicati articoli e foto di sanguinosi delitti accompagnati da altre pagine piene di foto sexy.

Il sangue ed il sesso, vendevano.

Qui “vendono” sangue e gossip, accomodatevi Signori!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento