giovedì, 20 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat, sono 700mila le casalinghe in povertà assoluta
Pubblicato il 10-07-2017


casalingaL’Istat ha presentato oggi il report “Le casalinghe in Italia” dal quale risulta che 700mila donne vivono in povertà assoluta. Significa il 9,3% del totale, che, per le giovani donne sale al 20%. Nel 2016 le casalinghe in Italia sono diminuite di 518 mila unità rispetto a dieci anni fa. Nel 2006 le casalinghe erano 7.855.000, mentre nel 2016 sono scese a 7.338.000. La loro età media è di 60 anni. Le anziane di 65 anni e più superano i 3 milioni e rappresentano il 40,9% del totale, quelle più giovani (fino a 34 anni) sono meno di una su dieci, l’8,5%. Le casalinghe vivono prevalentemente nel Centro-Sud (63,8%) e lavorano quasi 49 ore a settimana, in media 2.539 ore l’anno, senza considerare ferie, più di molti lavoratori occupati al di fuori delle mura domestiche. Le ore di lavoro svolte in un anno per le occupate ammontano a 1.507. L’Istat calcola che le donne effettuano complessivamente 50 miliardi e 694 delle ore di produzione familiare l’anno (il 71% del totale) e che le casalinghe, con 20 miliardi e 349 milioni di ore, sono i soggetti che contribuiscono maggiormente a questa forma di produzione.

Poco più della metà delle casalinghe non ha mai lavorato al di fuori delle mura domestiche nel corso della vita e il 10,8% (600 mila donne tra i 15 e i 64 anni) è scoraggiato, secondo i dati Istat, perché pur avendo cercato impiego non l’ha trovato e pensa di non poterci riuscire. Ma per le più giovani, quelle di 15-23 anni, il motivo principale per cui non cercano lavoro è di natura familiare nel 73% dei casi (questa quota scende al 61,2% per la fascia di età successiva di 35-44 anni). Il carico di lavoro domestico per queste donne è elevato.

Nel 2014 in Italia sono state effettuate 71 miliardi e 353 milioni di ore di lavoro non retribuito per attività domestiche, cura di bambini, adulti ed anziani della famiglia, volontariato, aiuti informali tra famiglie e spostamenti legati allo svolgimento di tali attività. Mentre, le ore di lavoro retribuite stimate dai Conti Nazionali ammontano a 41 miliardi e 794 milioni.

Il 74,5% delle casalinghe possiede al massimo la licenza di scuola media inferiore. Nel 2012 solo l’8,8% ha frequentato dei corsi di formazione. Percentuale che per la fascia di età 18-34 anni sale a 12,9.

Il 42,1% delle casalinghe vive in coppia con figli, il 25% in coppia senza figli ed il 19,8% da sole. Le casalinghe di cittadinanza straniera ammontano a 560 mila.

Una giovane casalinga su cinque, il 20% della fascia di età 15-34 anni, vive in povertà assoluta in Italia nel 2015. Si tratta di un’incidenza molto superiore a quella delle occupate della stessa fascia di età pari al 5,3% ed a quella delle casalinghe più anziane, oltre i 64 anni (4,8%). Complessivamente, stima l’Istat, sono più di 700mila le casalinghe in povertà assoluta, cioè quelle che non possiedono un reddito sufficiente a garantirsi l’acquisto di un paniere di beni e servizi essenziali per una vita dignitosa, cioè il 9,3% del totale delle casalinghe.

Salvatore Rondello

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento