sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il modello Trump:
i campioni del nepotismo
Pubblicato il 17-07-2017


trump-family“Il nepotismo è un fattore della vita”. Con queste parole Eric Trump spiegava il fatto che lui, il fratello Donald, e la sorella Ivanka hanno successo. Secondo il secondogenito di Trump bisogna però avere della capacità per restare in alto dato che il nepotismo solo apre le porte.

Il nepotismo nel mondo degli affari si accetta considerando il numero di aziende grandi e anche piccole in cui i figli e familiari vengono assunti e sistemati per ragioni di sangue. In politica però le cose sono diverse. Il presidente Trump non è il primo a dare incarichi importanti ai suoi parenti alla Casa Bianca. Nella storia americana altri lo hanno fatto. In tempi recenti si ricorda John F. Kennedy che diede l’incarico di procuratore generale al fratello Robert divenuto campione dei diritti civili. Ciononostante a causa del nepotismo messo in pratica da Kennedy una legge fu approvata nel 1967 che proibisce assumere familiari in incarichi governativi. Nel 1978 però la legge fu modificata esentando i ruoli di consulenza dal nepotismo. Ecco perché Trump ha potuto assumere il genero Jared Kushner e la figlia Ivanka dando loro incarichi di consulenza nei suoi riguardi.

Avere due membri della famiglia ai vertici della Casa Bianca rassicurerà Trump dato che gli garantisce fedeltà, qualità indispensabile per il 45esimo presidente. Un rapporto essenziale come ci dimostra la richiesta di fedeltà dell’attuale inquilino della Casa Bianca a James Comey, ex direttore della Fbi. Allo stesso tempo però la presenza di familiari può causare problemi. A cominciare dal fatto che l’unica ragione per i loro incarichi sia dovuta al rapporto familiare. Se non fosse stato per il nepotismo certamente Ivanka non sarebbe consigliere al presidente degli Stati Uniti. Jared da parte sua è stato messo a capo del neoistituito Office of American Innovation con ampli compiti interni ma anche esteri inclusa l’esplorazione di un trattato di pace fra Israele e la Palestina.

Né Jared né Ivanka hanno avuto esperienze governative venendo ambedue dal mondo degli affari. Una caratteristica con coltello a doppio taglio, da una parte positivo ma anche negativo. L’esperienza imprenditoriale può aiutare in incarichi governativi ma allo stesso tempo può essere dannosa dato che le mete sono diverse. Nel primo caso si tratta di fare profitti senza preoccuparsi veramente se qualcuno ne esce perdente. In politica i profitti sono il servizio agli elettori e tutti i contribuenti ne dovrebbero uscire vincenti.

Ma il problema principale con il mondo imprenditoriale è il continuo legame che intorbidisce le acque con i nuovi incarichi governativi. Nonostante il fatto che ambedue Kushner e Ivanka abbiano messo le loro aziende in un “trust” la separazione non è stata netta. Nel caso di Kushner è emersa la storia di affari con rappresentanti cinesi subito dopo l’elezione che hanno messo in dubbio il suo ruolo nell’amministrazione del suocero. Anche Ivanka ha avuto un episodio simile quando si è incontrata con il primo ministro giapponese mentre la sua azienda stava negoziando un affare con il governo nipponico.

Questa mancanza di netta separazione fra affari e governo ovviamente include anche lo stesso Trump. Anche lui ha affidato le sue aziende ai suoi due figli maschi ma ovviamente quando loro intraprendono affari tutti sanno che il loro cognome è lo stesso del presidente degli Stati Uniti. Ovvi sospetti emergono troppo facilmente se i collaboratori, specialmente stranieri, si aspettano favori dal governo americano o almeno credono di poterli ottenere.

Gli incarichi poco chiari di Kushner e Ivanka producono situazioni poco rassicuranti anche per i membri del “cabinet” di Trump ed altri consiglieri alla Casa Bianca. Kushner, per esempio, a volte sembra oscurare il ruolo negli affari esteri del segretario di Stato Rex Tillerson. Inoltre forti battibecchi sono emersi fra Kushner e Steve Bannon, un altro consigliere importante di Trump. Ovviamente in queste situazioni gli avversari di Kushner sanno bene che il loro rivale è il genero del presidente e devono mitigare le loro azioni.

Ivanka, da parte sua, a volte sembra fare il ruolo di first lady che ovviamente spetta a Melania Trump. La figlia maggiore di Trump, a differenza del marito, concede interviste e riconosce il suo ruolo senza precedenti nella storia americana. Si crede che lei abbia, come il marito, idee moderate e vicine a quelle del Partito Democratico, un “peccato mortale” per Bannon ed altri ultraconservatori nei vertici della Casa Bianca. Ciononostante si sa poco dell’influenza di Ivanka sulle decisioni del padre anche perché come lei ha detto i consigli dati al presidente rimangono fra loro due. Si crede però che lei abbia influenzato la decisione di bombardare Assad in Siria per punire l’uso delle armi chimiche.

“Forse noi siamo qui per nepotismo, ma non siamo ancora qui per nepotismo” ha spiegato Eric Trump, difendendo se stesso ed il fratello Donald Junior in un’intervista nel 25esimo piano della Trump Tower. Avrà ragione ma nel loro mondo imprenditoriale suo padre fa le decisioni. Nel campo governativo ci sono leggi che mettono freni. Il cognato Jared ha aggiornato tre volte la domanda di nulla osta alla sicurezza per accedere alle informazioni classificate aggiungendovi cento nomi di contatti con russi che aveva omesso nella dichiarazione originale. Trump ha protetto il genero. Per quanto tempo potrà continuare a farlo? Robert Mueller, il procuratore speciale dell’inchiesta sul Russiagate, ci farà sapere. Forse il nepotismo ha i suoi limiti.

Domenico Maceri

Domenico Maceri

Domenico Maceri, PhD, University of California, scrive su politica americana. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications.

More Posts

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. È Lewis Michael Eisenberg il nuovo ambasciatore Usa in Italia. Attesa da tempo, è arrivata nei giorni scorsi l’ufficialità della sua nomina alla guida dell’ambasciata americana a Roma. Attivista repubblicano di lungo corso, Eisenberg, classe 1942 e di famiglia ebraica, è stato tesoriere del Partito repubblicano e, dal 1995 al dicembre 2001, capo della Port Authority di New York e del New Jersey che amministrava le Torri Gemelle. A portare i saluti dell’ebraismo italiano al diplomatico americano, un messaggio della presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, che ha espresso “le più sentite congratulazioni per il prestigioso e delicato incarico che è stato chiamato a ricoprire”. L’UCEI, si legge nel messaggio, segue “con attenzione l’evoluzione dei rapporti tra Usa-Europa e del ruolo che l’Italia in questo contesto geopolitico sta assumendo, cosi come le molte sfide comuni in tema di commercio internazionale, di sicurezza e Medio Oriente, escalation di odio e dei gruppi radicali, immigrazione e crisi economica, educazione e memoria. Tutti questi ambiti presuppongono la condivisione di valori e capacità di programmare un futuro socio sostenibile, nel quale la convivenza e l’integrazione rappresentano un modello da esportare altrove”.
    (Fonte Pagine Ebraiche)

  2. “Non ho concluso accordi segreti con alcun governo straniero, né conosco qualcuno che lo abbia fatto durante la campagna elettorale. Non ho avuto contatti inappropriati. Non ho fatto affidamento su fondi russi per finanziare le mie attività private. Ho sempre cercato di essere trasparente”, è la nota che Jared Kushner, genero e consigliere del presidente Usa Trump, ha presentato all’audizione alla Commissione Intelligence del Senato in merito al Russiagate: lo scandalo che riguarda le intrusioni della Russia nelle elezioni statunitensi che sarebbero state pensate per favorire la vittoria del candidato repubblicano Trump (Corriere).

  3. E della buonanima di Giovanni Leone, galantuomo perseguitato, ci si fece beffe con il: ” tiene famiglia” … O tempora o mores!
    Di Trump, appena eletto, si diceva che bisogna aspettare, vedere, dargli il tempo. Trascorsi sei mesi dal giuramento si vedono solo: questioni delicate affrontate con ridicoli “twit”, atteggiamenti da psichiatria, infantilismo patologico, e poi i sospetti, il nepotismo, le figuracce internazionali ( la figlia messa a presiedere una riunione del g20, roba mai vista, roba da Erode Antipa) una squadra di governo di lobbisti e “poteri forti” ( ma non doveva essere il campione della lotta a quei poteri forti?) per non parlare delle mosse da elefante in una cristalleria contro gli arabi palestinesi, la Corea, Cuba, l’Iran, e delle misure vergognose contro gli immigrati, contro l’ambiente, contro la sanità pubblica e l’istruzione. Un distruttore che lascerà solo macerie, “er peggio der peggio” come direbbero a Roma. Anzi, forse no. Chi conosce Pence mi assicura che da ipotetico sostituto combinerebbe più guai del titolare. Ergo, speriamo che questi quattro anni passino in fretta e che nel 2020 i democratici propongano un candidato decente.
    Cordiali saluti a tutti. Mario.

Lascia un commento