martedì, 16 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fincantieri: governo conferma linea fermezza
Pubblicato il 31-07-2017


Fincantieri-di-MonfalconeNessun passo indietro. Il governo italiano conferma la linea della fermezza alla vigilia di quello che si preannuncia un difficile confronto con il governo francese sui cantieri navali della Stx che Parigi ha deciso di nazionalizzare sottraendo a Fincantieri il controllo. “Condivido quanto hanno detto i ministri Calenda e Padoan: l’Italia non farà un passo indietro”, ribadisce il ministro della Difesa, Roberta Pinotti. Domani il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e il collega dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, terranno il punto con il ministro dell’Economia Francese, Bruno Le Maire, che arriverà a Roma con una nuova proposta. Il governo italiano ha respinto nei giorni scorsi l’offerta di Emmanuel Macron di limitare al 50% la quota di Fincantieri in Stx, che avrebbe invece dovuto rilevare il 66,6% in mano ai sudcoreani.

Parigi, che ha stracciato il precedente accordo raggiunto tra l’Italia e il governo Hollande, per uscire dall’empasse, si dice ora pronta ad allargare i termini dell’accordo al settore militare, con il coinvolgimento di altre imprese, come Leonardo. Un’apertura a cui si guarda con interesse ma che potrebbe non cambiare i termini della questione. “Il dialogo con la Francia era già avviato: sarebbe importante – sottolinea ancora Pinotti – raggiungere un accordo che comprenda sia la parte civile che quella militare. Mi auguro che nell’incontro tra i ministri possano essere fatti passi avanti e che non sia una strada chiusa”. D’altronde la cooperazione tra Parigi e Roma in ambito militare va già avanti da tempo. “Abbiamo avuto lunghe collaborazioni con la Francia – ha ricordato Angelo Fusco, Direttore Divisione Navi Militari di Fincantieri – siamo già al secondo programma congiunto, prima con le fregate Orizzonte e poi con le Fremm.

La sintonia, sia dal punto di vista produttivo che operativo con i francesi c’è sempre stata e i programmi hanno funzionato benissimo. Sui programmi, la cooperazione in passato ha funzionato bene. Potrebbero esserci ulteriori opportunità”. Intanto i francesi provano a trovare una via di uscita ‘nazionale’. Prima di volare a Roma, Le Maire vedrà il presidente della Regione Pays de la Loire, Bruno Retailleau, e una delegazione di imprese locali che si dicono pronte a entrare nel capitale dei cantieri navali Stx France di Saint-Nazaire. La riunione si terra’ domani mattina a Bercy e, secondo Retailleau, “deve permettere di studiare le condizioni della partecipazione delle imprese regionali al tavolo di Stx”. Le aziende interessate sono una ventina, tra cui due committenti di Stx e la loro presenza, ha detto il presidente della Loira, “fornirà una seria garanzia che occupazione e interessi locali saranno difesi e preservati”.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento