giovedì, 13 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Industria. Istat, volano ordini e fatturato
Pubblicato il 25-07-2017


industriaFinalmente un’altra buona notizia per l’Italia. Dopo le stime al rialzo del FMI, oggi l’ISTAT ha comunicato i dati sulla produzione industriale con significativi incrementi.
Nel mese di maggio 2017 il fatturato ha registrato un aumento di +1,5% sul mese precedente riportando l’indice sugli elevati livelli di dicembre. Nella media degli ultimi tre mesi il fatturato aumenta dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 come a maggio 2016), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 7,6%, con incrementi del 6,7% sul mercato interno e del 9,3% su quello estero. Ad eccezione dell’energia (-7,2%), crescono tutti gli altri raggruppamenti dell’industria con particolare rilevanza per la componente interna dei beni intermedi (+3,1%).
L’aumento tendenziale più rilevante riguarda la metallurgia con +14,1%, mentre la diminuzione riguarda le altre industrie manifatturiere (-5,9%).
Sempre nel mese di maggio si registra il  pieno di ordini per l’industria. Gli ordinativi  segnano un incremento congiunturale del 4,3%. Nella media degli ultimi tre mesi l’indice subisce tuttavia una flessione pari all’1,0%. Nel confronto con il mese di maggio 2016, l’indice grezzo degli ordinativi segna un aumento del 13,7%. Tutti i settori registrano incrementi, particolarmente rilevante quello per la fabbricazione di mezzi di trasporto (+19,5%) con un’impennata tendenziale del 21,2%. Anche per gli ordinativi, come per il fatturato, l’andamento congiunturale mostra un incremento sia sul mercato interno che su quello estero, rispettivamente del +3,9% e del +4,9%.
Sembra proprio che l’Italia stia uscendo dalla crisi. Gli investimenti produttivi nella robotizzazione dei processi produttivi stanno dando dei risultati positivi senza migliorare ancora l’occupazione.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento