giovedì, 21 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Axelero recensioni
sul digital 4.0
Pubblicato il 26-07-2017


axelero-recensioni

La nuova rivoluzione economica digitale è ormai alle porte, se non fa già parte della nostra realtà. E’ di questa opinione la maggioranza degli analisti che seguono l’andamento dell’economia italiana e non solo, e che studiano i flussi economico-occupazionali della nostra nazione. Quella che oggi viene chiamata, con un termine ormai abusato, economia 4.0 promette di cambiare completamente il nostro modus operandi, in ogni ambito della vita sociale e lavorativa. Le ultime recensioni raccontano che una grande percentuale delle popolazione italiana è direttamente coinvolta in questa rivoluzione, o come fruitori passivi, la maggior parte, o come lavoratori del settore. Secondo l’opinione di axelero, la digital company italiana che dedica parte dell’attività alla formazione tramite la sua academy dedicata (axeleroacademy.it il sito di axelero dedicato alla formazione), nei prossimi anni il rapporto fra lavoratori e utilizzatori è destinato a ribaltarsi. E ciò è quello che sperano anche tanti giovani d’oggi, le cui opinioni in merito sono tutte rivolte in questa direzione.

Recensioni axelero sulla cultura digitale

Lo sperano anche tutti coloro che hanno a cuore l’Italia, in quanto la strada a livello mondiale è ormai tracciata, e la nostra nazione sconta ancora un certo gap rispetto ai partner europei e d’oltreoceano. Il vero problema che sottolinea axelero è quello della differenza di formazione tra i nostri lavoratori e quelli stranieri. Se si analizzano i dati che provengono dagli istituti di statistica e li si confronta con quelli di altre nazioni, si nota come la differenza culturale in ambito digitale sia ancora piuttosto ampia. Ad oggi le recensioni sulle competenze richieste nel digital parlano di un ventaglio di possibilità in continua crescita, a riprova di un interesse sempre più pressante.

Il digital, e l’economia che vi ruota attorno, è spesso visto come un problema per l’occupazione. Le opinioni in merito sottolineano come l’introduzione di macchinari “intelligenti”, che non hanno bisogno di aiuto umano per funzionare, possano sostituire le persone. E’ qui che sta la vera sfida della prossima rivoluzione 4.0 secondo axelero, che mette in luce come nelle nazioni che prima dell’Italia hanno iniziato a percorrere questa strada, i tassi di crescita del PIL hanno fatto registrare dei progressi paragonabili a quelli pre-crisi. Anche in Italia le recensioni delle aziende che si stanno digitalizzando contrastano con l’opinione comune, dettata più che altro dalla paura del futuro.

Opportunità per i giovani: la recensione di axelero

I numeri confortano chi da tempo con le proprie opinioni sottolinea le opportunità che si possono cogliere perseguendo questa strada. Chi ha già intrapreso la via del rinnovamento registra i primi risultati, con tassi di crescita molto interessanti. Non è un caso che le recensioni dei giovani in merito all’evoluzione verso l’economia 4.0 siano entusiaste, potendo essi sfruttare a proprio vantaggio i nuovi scenari che si potranno aprire. Tuttavia anch’essi hanno necessità di una preparazione specifica che manca anche ai cosiddetti “nativi digitali”, che spesso sono dei grandi fruitori di tecnologia, senza capirne potenzialità e opportunità. A loro axelero dedica una sezione della sua academy, ideale per creare nuovi talenti in quelle professioni digitali che ormai sono sempre più richieste dal mercato. Ecco, dunque, che trovano risposta le preoccupazioni dei più in ambito occupazionale, basti pensare ai tassi di crescita che questo settore sta avendo in tutto il mondo e anche in Italia. La problematica, tutta italiana, è proprio che spesso mancano le competenze, e questo frena uno sviluppo che potrebbe essere la vera svolta per l’uscita stabile dalla crisi.

L’economia digitale può rappresentare una grande opportunità per la sviluppo economico italiano che ancora stenta a riprendersi dopo la crisi che ha investito tutto il mondo industrializzato. Le recensioni sui dati statistici confortano chi si è già incamminato verso la strada dell’evoluzione digitale, tuttavia ancora molto si deve fare, soprattutto nell’ambito della formazione. Investire sul capitale umano, diviene la vera chiave del successo, per cercare di colmare il gap culturale.

 Luigi Grassi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento