mercoledì, 23 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Caprarola, Le “Marocchinate” al Festival “Di Voci e Di Suoni”
Pubblicato il 21-07-2017


Locandina MarocchinateContinuano ad entusiasmare le serate del Festival “Di voci e di suoni” a Caprarola, con lo spettacolo “Marocchinate” di Simone Cristicchi e Ariele Vincenti con Ariele Vincenti per la regia di Nicola Pistoia e l’aiuto regia di Teodora Mammoliti.

Lo spettacolo “Marocchinate” è la storia di terribili giorni decisivi e successivi allo sfondamento da parte degli Alleati della linea di Montecassino, ultimo baluardo tedesco. Apparentemente la guerra è finita e l’Italia è libera, ma non per le popolazioni di gran parte del basso Lazio.

E questa è l’altra faccia della Liberazione. “Aspettavamo ji salvatori… so’ arrivati ji diavoli”

Un’altra di quelle storie che se non sei di quelle parti non la conosci, in una terra che se non hai parenti o amici, non ci vai. Gli avvenimenti hanno luogo in un paese della Ciociaria e Angelino, pastore locale, nonché protagonista della storia, ci racconta la semplice ma faticosa vita contadina della sua zona prima della guerra. Vita che viene sconvolta con l’arrivo delle truppe Marocchine, aggregate agli Alleati, ai quali viene affidato il compito di entrare nella rocciosa difesa tedesca.

Ottemperano il loro compito e “le truppe di colore” come ricompensa ottengono il “diritto di preda” contro la popolazione civile. Cinquanta ore di carta bianca, cinquanta ore in cui fanno razzia di tutto quello che trovano: oro, case, vino, bestie, ma soprattutto donne. Sono migliaia le donne che verranno stuprate e uccise nella primavera del ’44, dai soldati marocchini. Tra queste c’è Silvina la moglie di Angelino, che diventerà anch’essa una “Marocchinata”.

Lo spettacolo ha lo scopo di rispolverare i gravi fatti della Ciociaria del ’44, per non dimenticare le migliaia di donne vittime di quelle violenze, con l’obiettivo che le loro parole diventino le nostre parole, fino a diventare la nostra storia.

La decima edizione del festival “Di Voci e Di Suoni” è iniziata il 15 luglio e finirà il 19 agosto con appuntamenti a cadenza settimanale e si terrà a Caprarola (VT), in parte, presso Piazza Monsignor Sebastiani Giuseppe, nel centro storico del paese, ed in parte, presso il Piazzale del Convento di Santa Teresa, con il seguente programma:

22 luglio – Ariele Vincenti nello spettacolo teatrale “Marocchinate”, scritto da Ariele Vincenti e Simone Cristicchi, regia di Nicola Pistoia.

05 agosto – La Compagnia Teatro Popolare “Peppino Liuzzi” interpreta lo spettacolo “Li viaggi de Ulisse”, scritto e diretto da Romolo Passini.

12 agosto – Concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio

19 agosto – Concerto di Marina Bruno e la Dirindina

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento