domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L. elettorale. Si cerca intesa ma accordo ancora lontano
Pubblicato il 24-07-2017


Riforma-legge-elettoraleAccordo ancora lontano sulla legge elettorale. Pd, M5s e Fi mettono sul tavolo le rispettive condizioni, apparentemente poco conciliabili. Eppure traspaiono delle aperture che forse solo a settembre si capirà se si concretizzeranno. Il grande tema di fondo, infatti, quello delle coalizioni, potrà essere definito solo dopo che centrosinistra e centrodestra avranno sciolto il rebus sul piano politico. Dopo che Matteo Renzi sabato ha aperto al confronto per una legge scritta “assieme a Grillo e Berlusconi”, Forza Italia è stata la più lesta a posizionarsi, con Renato Schifani che ha chiesto di “ripartire” dalla legge proporzionale su cui a giugnosi era raggiunto l’accordo, poi naufragato sotto i voti segreti. Ma M5s frena e con Danilo Toninelli ricorda tale “naufragio” addossandone la colpa al Pd: “Bisogna tornare al Legalicum, cioè applicare la riforma uscita dalla Corte anche al Senato”, ha aggiunto. Questa è un proporzionale con premio alla lista (e non alla coalizione) vincente, se raggiunge il 40%, che M5s potrebbero proporre di far scendere al 37-38%. Uno schema che non dispiace a Renzi ma inviso a Forza Italia: almeno finora, perché i sondaggi danno un centrodestra unito è al 35%, non lontano da quelle soglie.

Il tema dunque è se centrosinistra e centrodestra vogliono presentarsi in coalizione o come singoli partiti, e quindi col proporzionale. A sinistra Giuliano Pisapia sogna ancora una larga coalizione, come ha dimostrato venerdì partecipando alla festa del Pd di Milano, e con lui le componenti del Pd che fanno capo ai ministri Dario Franceschini e Andrea Orlando, e a Michele Emiliano. Ma Mdp di D’Alema e Bersani frena, puntando ad una lista a sinistra del Pd, distinta e distante dai Dem. E il Maurizio Martina, vicesegretario del Pd ha ammesso che sarà “difficile” un cambio di posizione sul premio di coalizione.

Per ora la questione è inevasa tra i Dem anche perché non dipende solo da loro l’esito. Il capogruppo Ettore Rosato ha ribadito la volontà di dialogare “con tutte le forze politiche” con cui “condividere” il testo: cioè anche altri rispetto a Fi, M5s e Lega che avevano sottoscritto il patto a giugno.

Una delle ipotesi per coinvolgere “tutti” è abbassare dal 5% al 4% la soglia di sbarramento. Questo sarebbe gradito ad Ap e ai centristi, allentando la tensione sulla Legge di Bilancio, come auspica il premier Gentiloni. Inoltre l’ingresso nel futuro Parlamento di una forza centrista darebbe più possibilità alla formazione di una coalizione post-elettorale, se dalle urne non uscisse un vincitore. E una maggiore flessibilità in tal senso faciliterebbe il lavoro del presidente Mattarella. Per ora Ap è sul chivalà e infatti Angelino Alfano accusa Pd e Fi di volersi accordare in vista di un accordo dopo le elezioni. L’altra ipotesi, sollecitata da Toninelli, è introdurre nel Fianum (la legge su cui ci si era accordati), il voto disgiunto tra collegi e liste proporzionali, come piace anche a Mdp. Un allargamento a sinistra del consenso ma su una soluzione che non piace affatto al Pd, in questo caso unito da Renzi alle minoranze.

“Restiamo fortemente convinti – afferma Marco Sarracino, portavoce nazionale dell’Area Orlando – che il paese necessiti in vista delle prossime elezioni politiche di una normalizzazione del quadro politico, anche per questo crediamo che da settembre le priorità del Pd debbano essere la lotta alle diseguaglianze, la questione giovanile e la legge elettorale. Su quest’ultima va rispettato l’appello a tutti i partiti dichiarato dal Quirinale, che va assolutamente rispettato e preso in enorme considerazione. Tocca infatti al Pd, che gode della maggiore forza parlamentare in questa legislatura, prendere l’iniziativa affinché si lavori e realizzi una proposta che possa raccogliere il massimo consenso possibile. Da parte nostra resta fondamentale lavorare ad un premio di governabilità e alla possibilità di costruire delle coalizioni, poiché come abbiamo sempre annunciato, la nostra ambizione è quella di ricostruire il centrosinistra. Speriamo di poterne discutere quanto prima nelle sedi e negli appuntamenti politici che il nostro partito ha il dovere di convocare al fine di decidere insieme le linee politiche da seguire sino alla fine della legislatura”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento