lunedì, 16 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Neymar, Verratti, Aguero: grandi cambi di maglia in arrivo in Europa
Pubblicato il 24-07-2017


NYTMai come quest’anno il calciomercato ha visto muoversi vagonate di milioni di euro: per merito di nuove proprietà come quella cinese, che ha acquistato il Milan di recente, ma anche e soprattutto per merito delle solite big europee, che da anni animano il calcio d’agosto riservando sorprese ed acquisti milionari a mai finire. Basti ad esempio pensare a trasferimenti record come quello di Pogba ed il recente acquisto di Morata da parte del Chelsea di Antonio Conte. Ma il meglio deve ancora arrivare: si prospettano 3 trasferimenti da urlo, che noi potremo poi goderci ammirando la prossima UEFA Champions League che anche quest’anno verrà trasmessa in diretta su Mediaset Premium. Una competizione che promette di essere più bollente che mai.

Neymar: è guerra fra PSG e Barcellona

PSG e Barcellona non si sono mai amate particolarmente: sul campo i parigini hanno spesso dovuto abbandonare le ambizioni europee proprio a causa dei blaugrana, ma anche fuori dal campo non sono stati pochi i tentativi di scippo del Barcellona con oggetto i tanti campioni nella rosa del PSG. Quest’anno, però, la situazione pare essere destinata ad un inaspettato ribaltamento dei fronti: dopo il tentativo del Barcellona di strappare il regista italiano Verratti, il PSG ha risposto nel modo più clamoroso, ovvero dicendosi convinto nel pagare la clausola da 220 milioni di euro di Neymar. Dovesse concretizzarsi questo “sgarbo nello sgarbo”, il PSG doppierebbe il precedente record dei trasferimenti, fissato a 100 milioni dall’acquisto di Pogba del Manchester United. A conti fatti, probabilmente non è mai il caso di irritare chi può permettersi di spendere cifre del genere.

E Verratti? Intanto cambia procuratore

In attesa di scoprire cosa accadrà per Neymar, la notizia bomba l’ha già lanciata Marco Verratti via social: abbandona Donato Di Campli per prendere come procuratore Mino Raiola. Non si tratta di un normale cambio di procuratore: Raiola è infatti famoso per essere il re dei movimenti di mercato, e questo potrebbe rappresentare un segnale molto forte di Verratti al PSG. E Di Campli? I rumors sostengono che al centro dell’abbandono vi siano le dichiarazioni poco morbide nei confronti del PSG, accusato dal procuratore di trattenere Verratti in una sorta di “prigione dorata”. Un’esposizione mediatica forse troppo forte, in un momento in cui l’eventuale trasferimento del regista in maglia blaugrana avrebbe forse richiesto un tatto maggiore. Ed invece il caos mediatico è stato totale, con lo stesso Verratti che ha smentito Di Campli a stretto giro di posta, delegittimandolo dal suo ruolo in pectore.

Milan: è Aguero il “mister X”?

La premiata ditta Fassone-Mirabelli ha messo in piedi un Milan cinese molto forte, spendendo oltre 200 milioni e non nascondendosi dietro ai paraventi. Lo stesso Fassone, durante la tournee in Cina, ha infatti detto che al Milan arriverà al 100% un grande attaccante: dopo la girandola di nomi che ha visto alternarsi Aubameyang, Belotti e Morata – ognuno dei quali sfumato per motivi diversi – adesso resta in ballo solo quel “Mister X” citato dallo stesso amministratore delegato rossonero. E pare che l’identikit del colpo a sorpresa del nuovo Milan sia proprio quello dell’attaccante del Manchester City Sergio Aguero: un colpo difficile, anzi, difficilissimo, perché l’argentino è uno dei protetti dell’allenatore Pep Guardiola, che ha esattamente intenzione di affidare ad Aguero le chiavi dell’attacco dei Citizens. Con questo Milan e soprattutto con questo portafoglio, comunque, mai dire mai.

Elisa Leuteri

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento