sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Province. Risoluzione Psi per rivederne ruoli e funzioni
Pubblicato il 07-07-2017


provinceromaCon i l decreto legge del 24 aprile scorso, convertito in legge lo scorso 21 giugno, il Governo ha inteso realizzare in favore degli enti territoriali, una migliore perequazione delle risorse pubbliche a disposizionne, anche attraverso nuovi investimenti. Tra gli enti territoriali sono comprese le Provincie il cui ruolo, dopo la bocciatura del referendum dello scorso 4 dicembre, è tornato a pieno titolo a far parte della gestione territoriale del Paese. Infatti il decreto legge in questione, occupandosi della gestione finanziaria delle province, ha riaffermato l’esigenza di rivedere il ruolo e le funzioni fondamentali di quest’ultime.

A questo proposto i socialisti hanno presentato una risoluzione, approvata dalla Camera, con Oreste Pastorelli e Pia Locatelli come primi firmatari, in cui si impegna il governo su più punti. Primo sulla “necessità di proseguire nello forzo intrapreso al fine di garantire e, se necessario, incrementare le risorse necessarie ad assicurare l’effettivo esercizio delle funzioni fondamentali da parte delle province e delle città metropolitane, anche promuovendo le opportune modifiche alla legislazione vigente”. Inoltre nella risoluzione si in invita il Governo a “adottare ogni iniziativa di competenza utile a favorire il ripristino dell’autonomia organizzativa degli enti, anche attraverso la deroga temporanea delle disposizioni di cui all’articlo 1, comma 420, lettere c), d) e) della legge .190 del 2014”.

Infine i parlamentari socialisti invitano l’esecutivo a adottare “ogni utile iniziativa, anche di natura normativa, volta al ripristino delle piena autonomia finanziaria delle province e delle città metropolitane, onde garantire la piena copertura finanziaria delle rispettive funzioni fondamentali e una programmazione della spesa rispettosa dei canoni si cui all’art 151 del Testo unico sugli enti locali”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento