sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Vandalizzata la statua di Falcone davanti alla scuola
Pubblicato il 10-07-2017


palermo-falcone“Sono costernata da un episodio di vandalismo che per la seconda volta colpisce un baluardo di legalità in un quartiere estremamente sensibile della nostra città”, Lo afferma la sorella di Giovanni Falcone, Maria, commentando il raid vandalico e il danneggiamento della statua avvenuto per la seconda volta nella scuola dello Zen intitolata al magistrato ucciso da Cosa Nostra. Alla statua, davanti alla Scuola di Palermo intitolata ai due magistrati Falcone e Borsellino, è stata staccata la testa e un pezzo del busto usati poi come ariete contro il muro dell’istituto scolastico. Non è la prima volta che la statua, che raffigura il magistrato ucciso nella strage di Capaci assieme alla moglie e agli agenti della scorta, viene danneggiata. Dirigenti e insegnanti dell’istituto da anni sono impegnati a diffondere la cultura della legalità tra i ragazzi del quartiere, tra i più degradati della città. Sono passati venticinque anni dall’uccisione di Falcone (23 maggio 1992) e il gesto arriva a poco più di una settimana da un altro anniversario (il 19 luglio 1992), quello della strage di via D’Amelio, dove furono assassinati dalla mafia Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta.
“Se è un’avvertimento mafioso – afferma il presidente del Senato, Piero Grasso – sarebbe una prova di debolezza, non di forza; se invece si trattasse del gesto di una banda di vandali sarebbe l’ulteriore conferma che dobbiamo ripartire dalla scuola, grazie all’impegno dei docenti che ogni giorno educano i cittadini di domani, e da un maggior controllo del territorio, per prevenire questo tipo di comportamenti. Abbiamo una certezza, non illudetevi: ogni volta che proverete a infangare la memoria di uomini come Falcone noi la proteggeremo”.
Mentre il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, appresa la notizia ha subito twittato: “Oltraggiare la memoria di Falcone è una misera esibizione di vigliaccheria”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento