mercoledì, 20 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Antonio Vergnanini, una vita
tra sindacato e cooperative
Pubblicato il 31-08-2017


vergnaniniNacque a Reggio Emilia il 16 maggio del 1861, in una famiglia che da tempo era bene avviata nel settore commerciale. Fece il percorso degli studi con discreti risultati fino al Liceo, poi si iscrisse  a Lettere presso l’Università di Bologna, ma non conseguì la laurea. E’ probabile che in questo senso abbiano inciso le difficoltà incontrate dal padre nella sua attività, sfociata nel fallimento. All’ inizio degli anni 90 prese contatto coi gruppi socialisti, già numerosi nella sua provincia, dove era già forte l’influsso del riformismo prampoliniano, profondamente umanitaria e volto a parlare alla mente e al cuore dei lavoratori. Collaborò inoltre alla stampa socialista, più in particolare a “La Giustizia” e “Lo Scamiciato”, fogli  vivaci, ricchi di contenuto e molto letti, e assunse la presidenza della Lega socialista di Reggio Emilia. In questo periodo  rivelò  un vivo interesse per il movimento cooperativo, che nella sua regione possedeva già corposità e articolazione di assoluto rilievo, avviando una collaborazione destinata a crescere negli anni con risultati estremamente positivi. Sempre più coinvolto nella vita del partito e delle leghe, partecipò ai congressi del PSI e  acquistò una crescente notorietà tra i quadri dirigenti e la base. Era allora in corso, partendo dalla Sicilia, l’azione repressiva promossa dal governo Crispi e finalizzata alla distruzione del movimento proletario nell’intero paese. Vergnanini venne condannato a due anni di domicilio coatto. Si rifugiò allora a Lugano e successivamente a Ginevra, dove prese contatto con gli emigrati e i rifugiati italiani di tendenza socialista, sfruttati nei posti di lavoro, ancora politicamente e sindacalmente disorganizzati, che gli affidarono la direzione de “L’Avvenire del lavoratore” e la segreteria della Unione Socialista di lingua italiana, una organizzazione con buone possibilità di sviluppo. Erano in corso tentativi di dare carattere più accentuatamente politico e forma di partito alla Unione. Vergnanini riteneva che si dovesse privilegiare il carattere economico dell’organizzazione, e per questo tentò di contrastare l’azione che proveniva dall’Italia. I suoi sforzi però non diedero i risultati sperati, essendo maggioritaria la posizione opposta. Nel congresso che l’organizzazione tenne nella primavera del 1900 egli rimase in minoranza, e la segreteria passò a Giacinto Menotti Serrati, che  lavorò per trasformare l’Unione in Partito Socialista Italiano in Svizzera. Si trasferì allora a Berna per guidarvi l’Ufficio di emigrazione, un organismo che allora svolgeva una importante funzione nel raccordo coi lavoratori ticinesi e d’Oltralpe.

All’alba del nuovo secolo era ancora attivo tra i lavoratori edili di Lugano. Rientrò quindi a Reggio Emilia, dove gli venne affidata la segreteria della Camera del Lavoro, appena nata in quella importante città. Per diversi anni si impegnò nel sindacato, profondendo nell’attività intelligenza, energia e passione, che gli vennero riconosciuti con l’elezione nel 1906 a componente del Consiglio direttivo della CGIL, e con la riconferma nel 1916. In quegli anni manifestò con maggiore nettezza la propria concezione, che vedeva nella Camera del Lavoro il centro coordinatore e propulsore di cooperative, affittanze e casse di previdenza, tutte strumenti di elevazione e  di organizzazione  dei lavoratori. Propose la costituzione di “demani collettivi”, da affidare alla gestione di produttori e consumatori con criteri cooperativistici in diversi settori, tra cui l’agricoltura, i lavori pubblici e le bonifiche. Era ancora alla guida della importante organizzazione reggina, quando si impegnò nella realizzazione del tratto ferroviario Ciano – Reggio, opera che, pienamente realizzata e poi affidata alla gestione delle stesse cooperative, procurò a lui e alle organizzazioni economiche e sindacali notorietà e apprezzamenti grandemente  positivi.

Nel 1913 venne chiamato alla segreteria della Federazione Sindacale delle Cooperative, che  nei precedenti anni era stata tenuta da Antonio Maffi, un organizzatore repubblicano proprio allora defunto. Alla guida dell’importante organismo diede ulteriori prova delle proprie capacità, rafforzandone le strutture e le articolazioni e gli strumenti di comunicazione, tra cui il periodico “La Cooperazione italiana”, organo centrale della Lega, che lo ebbe tra i collaboratori. Ormai dirigente noto anche fuori del mondo sindacale e cooperativo, venne ammesso nel 1914 tra i componenti della Direzione nazionale del Partito Socialista Italiano, allora agitato per i prodromi della guerra, lo scontro fra interventisti e neutralisti, la dissidenza mussoliniana, ecc. Nei confronti del conflitto si collocò tra gli oppositori, ma non rifiutò il proprio concorso volto ad alleviare le sofferenze  degli strati popolari, e a questo fine accettò di far parte della Commissione centrale per gli approvvigionamenti, promossa dal governo.  La ritirata di Caporetto lo collocò tra quanti nel PSI anteposero all’ideologia la necessità di difendere  il suolo  nazionale. Nel 1921 divenne membro del Consiglio di amministrazione dell’Istituto Nazionale del Credito per la Cooperazione, e in tale posizione attraversò gli anni in cui il paese sperimentava la sconfitta del movimento dei lavoratori organizzati, delle cooperative e del sindacato di classe e l’avvento della dittatura  fascista.

Davanti alle violenze squadristiche, primo momento nel cammino della forze antisocialiste e antioperaie verso il recupero di un pieno potere, sperò di poter evitare che un ricco patrimonio di esperienze, alla cui costruzione aveva contribuito per gran parte della propria vita, andasse perduto. Trasfuse esperienze, idee e speranze in un libro, “Oggi e domani nel pensiero di un cooperatore”, ma dovette arrendersi di fronte al crescendo di violenze e delitti con cui si lastricava la strada verso l’affermazione della dittatura. Nel 1926 la Lega delle Cooperative subì la medesima sorte delle tante organizzazioni che i lavoratori avevano saputo creare nei precedenti anni, e per lui non rimasero che l’emarginazione e il ricordo di un tempo glorioso per varietà di realizzazioni e ampiezza di progresso. Morì a Roma l’11 aprile 1934.

 Giuseppe Miccichè

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento