sabato, 17 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Province, ora intervenire
per evitare disagi
Pubblicato il 01-08-2017


Dl ProvinceMentre alcune forze politiche in Veneto e Lombardia hanno già iniziato la propria campagna elettorale puntando su un inutile e costoso “referendum per l’autonomia”, a Roma la maggioranza parlamentare, a seguito delle richieste dei territori, ha approvato il cosiddetto “Decreto sul Mezzogiorno”.

Il Decreto, anche grazie al sostegno dei deputati del PSI (che però lamentano una scarsa attenzione del Governo alle aree terremotate), contiene per il 2017 un ulteriore finanziamento alle Province ed alle città metropolitane. Finanziamento che risponde positivamente alle richieste dei territori e delle province venete e che permetterà per il 2017 di porre rimedio ai tagli della legge 56 del 2014. La cosiddetta legge Del Rio che riduceva i fondi agli Enti Locali per il biennio 2017/2018 mettendoli in grave difficoltà. Alle Province e alle Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario, per l’esercizio delle funzioni fondamentali di cui all’articolo 1 della legge 7 aprile 2014, n. 56, viene così attribuito un contributo complessivo di 100 milioni di euro per l’anno 2017, di cui 72 milioni di euro a favore delle Province e 28 milioni di euro a favore delle città metropolitane.

Resta il problema dei finanziamenti per il 2018 (dal 2019 i tagli della legge Del Rio dovrebbero cessare).

Il PSI del Veneto sollecita quindi i suoi Parlamentari ad intervenire al più presto affinché i disagi sofferti quest’anno dalle nostre Province non abbiano a ripetersi.

Luca Fantò

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento