sabato, 16 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’Africa e il Dragone 
Pubblicato il 10-08-2017


La Cina è una nazione molto estesa, direi tra le più estese del mondo, ma non così tanto da sopportare l’espansione demografica che nei prossimi anni le farà raggiungere i due miliardi di abitanti. Una famiglia quando si allarga ha bisogno di una casa più grande, specialmente quando hai qualche risparmio, le cose vanno bene e il lavoro non manca.

Il caso del Paese del Dragone è emblematico, sono anni che gli uomini “formica” cinesi lavorano con grande intensità e profitto, e dopo aver alzato grattacieli e costruito città quasi all’infinito, ecco arrivato il momento di pensare al futuro e al più che meritato benessere.

Oltretutto è pure una questione di sopravvivenza perché le risorse che occorrono per alimentare la locomotiva cinese sono immense, quindi davvero hanno bisogno di comprare un luogo che sia in vendita, e l’Africa è in vendita ad un prezzo pure conveniente; inoltre è ricca di risorse naturali e ha tanto di quel verde dove i bambini possono ancora giocare in luoghi certamente meno inquinati dei loro.

Insomma, c’erano tutti i presupposti perché si pensasse ad una seconda casa. Infatti, già da tempo la Cina aveva stipulato un compromesso e dato una congrua caparra. Poi tra il Continente africano e la Cina c’è una gran fiducia, fatto sta che ancora prima del rogito, i cinesi hanno cominciato ad investine nelle infrastrutture, come ferrovie, aeroporti, strade, ponti e ecc. Insomma, tutto ciò che occorre per vivere in comodità.

Direi che la Cina è andata ben oltre senza aver ancora rogitato, ha iniziato a costruire intere città che possono ospitare milioni di cinesi, qualcuno già prevede che nei prossimi anni saranno circa 500 milioni i cittadini del Dragone che si trasferiranno nella dependance africana, anche con i laboratori produttivi. I cinesi sono un popolo previdente, ecco perché prima di trasferirsi stanno pensando a tutto.

E questo ha creato curiosità in Occidente, che prende in giro il popolo del Dragone dicendo che quegli sprovveduti dei cinesi sono andati in Africa a buttare via i soldi, perché gli appartamenti sembrano costare 100.000 euro: troppo cari per gli Africani. Al solito noi del vecchio mondo siamo così presuntuosi che pensiamo sempre di aver capito tutto! Infatti, la prima cosa che ci è venuta in mente é che gli uomini con gli occhi a mandorla fossero davvero andati in Africa a costruire alloggi di lusso da vendere a chi scappa dalla povertà.

Angelo Santoro

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento