martedì, 17 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Leonardo Scimmi
Un ritorno di visibilità
del PSI all’estero
Pubblicato il 02-08-2017


Siamo a metà estate, l’ultima estate prima delle elezioni nazionali del 2018. Come sappiamo sono elezioni lungamente attese e per quanto riguarda il dipartimento esteri del PSI, possiamo ben dire di esserci preparati molto e bene a queste future elezioni.

Sebbene il quadro delle alleanze e della legge elettorale sia ancora incerto, il PSI esteri, collegio europa, ha costruito una rete molto efficace tra gli italiani all’estero, siano essi di prima emigrazione o di nuova emigrazione.

Ed è pertanto tramite un lavoro costante e convinto che sono rinate le Federazioni di Lussemburgo Svizzera Belgio Francia Germania Inghilterra e Spagna. Molti compagni, molti professionisti seguono con interesse le attività del PSI e promuovono iniziative temi e discussioni.

Il mondo degli italiani all’estero può offrire moltissime competenze all’Italia e per nessun motivo dobbiamo lasciare che il distacco tra Italia ed italiani all’estero diventi definitivo.

Sin dal 2008 ogni anno si è tenuta la rituale presenza dello stand del PSI presso il Festival des Migrations a Lussemburgo, una due giorni in cui migliaia di persone possono vedere le bandiere del PSI e discutere con i membri della Federazione locale su temi quali Europa, lavoro, professionalità, emigrazioni.

Nel 2013 il PSI estero ha partecipato alla campagna elettorale insieme al PD ed a SEL nella coalizione Italia Bene Comune, esprimendo un candidato nelle liste del PD che ha conseguito un buon risultato, circa 4000 preferenze, pur non venendo eletto.

Il patto con il PD è poi rimasto in piedi anche con la nuova segreteria renziana ed il PSI esteri ha sostenuto il « SI » al referendum del 2016 partecipando ad un evento a Zurigo in sostegno della riforma costituzionale, presenti alla casa d’Italia centinaia di persone.

All’inizio del 2017 è stato presentato il libro «Erasmus Politik» presso la Camera di Commercio Italiana per la Svizzera ed analoga presentazione sarà ripetuta in ottobre 2017, alla presenza, fra gli altri, dell’On. Pia Locatelli.

Nel corso degli anni si é inoltre rinsaldato il rapporto con i vertici dei partiti fratelli e membri del PSE, dalla SPD tedesca al PS francese al PS belga allo SP svizero alla LSAP lussemburghese.

I rapporti con le altre forze partitiche della sinistra, sebbene variegate, e con i sindacati ed associazioni è aumentato ed è improntato ad un ritorno della visibilità del PSI all’estero, che mancava da circa un decennio.

Il PSI esteri ha creato una pagina Facebook dedicata ed un sito chiamato www.europariformista.euIl PSI Esteri promuove diverse attività di svago, anche, legate allo sport alla musica alla letteratura.

Leonardo Scimmi
Coordinatore italiani all’estero (Europa)

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento