mercoledì, 26 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Profughi e violenza
Pubblicato il 26-08-2017


La violenza c’é stata in piazza Indipendenza a Roma da entrambe le parti. Sassi e idranti, lancio di una bombola e botte. Ma un agente non può sollecitare i suoi compagni a spezzare un braccio a un manifestante. E hanno fatto bene le autorità preposte a sospendere l’interessato dal servizio. Restano tutte le responsabilità politiche e amministrative di chi ha governato questo fenomeno nella capitale. Non si possono stipare 700 profughi (profughi, non clandestini) in un solo palazzo. Non si può non controllare cosa avviene nel corso dell’anno quando pare che le persone raddoppino o quasi con il concorso di altri sconosciuti, giunti da ogni parte d’Italia e del mondo.

Non si possono non verificare eventuali illegalità commesse, come i’ipotizzata riscossione di affitti (una sorta di pizzo mafioso) da parte di alcuni ospiti forti e di esterni e l’esistenza di bombole incendiarie scoperte solo ora. Non si può, ma ci voleva questo episodio per capirlo, ordinare uno sloggio senza che gli ospiti siano stati alloggiati altrove, anche se é molto discutibile l’atteggiamento degli interessati che rifiutano di trasferirsi altrove. Ma soprattutto non è possibile che il Movimento Cinque stelle faccia finta di niente e si arrampichi sugli specchi con posizioni contrastanti, o attribuendo tutte le responsabilità agli altri.

A Roma i grillini dovrebbero ricordarsi di essere alla guida della città. Vabbè che cambiano un assessore al mese, che non riescono praticamente a far nulla. Aggiungiamo certo che hanno sulle spalle un’eredità pesante. Ma fino a quando faranno finta che tutto quel che avviene nella capitale non li riguarda? Per ora blaterano tra loro, con Di Maio che difende l’intervento della forza dell’ordine, con Fico che difende gli immigrati e attacca i poliziotti e con la Raggi che con fare vagamente doroteo dice quasi nulla e se la prende col governo. Meravigliosi costoro. Sembra che stiano all’opposizione anche quando stanno al potere. Un partito di lotta e di governo? Per ora un partito scaricabarile…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento