martedì, 19 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

C’è sempre uno più puro
che ti epura
Pubblicato il 15-09-2017


“C’è sempre uno più puro che ti epura”. La frase è di Nenni, il destinatario è Salvini. Gli consiglio di leggerla nella sua forma integrale. Potrebbe averne bisogno. Non gioisco delle sciagure altrui, ma le dichiarazioni rilasciate dal leader della Lega evidenziano doppiogiochismo.

La Lega è stata in prima fila ieri col cappio a Montecitorio, in ultima fila oggi. Sempre all’attacco però, seppure da una posizione opposta a quella dei suoi antenati. Anche alla sua, a dire il vero.

Tutti i partiti hanno il cancro meno la Lega. Beh, Matteo, parliamone un po’. Ci sono giorni che ti sorprendono. Ieri, ad esempio. La Lega che deve restituire 48 milioni (sic!) e un magistrato che accusa i carabinieri sul caso Consip. Non sempre succede ma spesso succede: che il bene e il male cambino di posto.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Anch’io mi auguro che la nemesi storica faccia il suo corso, innanzitutto per riparare il “torto” subito allora dai socialisti, che un quarto di secolo fa hanno visto dissolversi il proprio centenario partito, e può esservi pure chi non ritiene sufficiente la riabilitazione ma nutre anche comprensibili sentimenti di rivalsa e rivincita (sentimenti che per “imparzialità” dovrebbero verosimilmente indirizzarsi verso tutti quei soggetti politici che ebbero all’epoca posizioni giustizialiste, e furono più d’uno).

    Tuttavia, se da un lato il “risentimento” è uno stato d’animo non facile da “mandare indietro”, cioè da soffocare dentro a noi stessi, a me sembra che la linea di pensiero socialista dovrebbe essere quantomeno e comunque garantista, alla stregua di “un marchio di fabbrica”, se ci si vuole differenziare da quanti gridano alla colpevolezza dell’avversario politico senza attendere l’esito di tutti i gradi di giudizio o, addirittura, fin dal momento della sola imputazione, come ci è capitato più di una volta di vedere.

    Paolo B. 17.09.2017

Lascia un commento