martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Concorsi truccati, arrestati 7 professori universitari
Pubblicato il 25-09-2017


Universita-Italia-Usa“Sulla spiacevole vicenda dell’università stiamo verificando, ma andremo fino in fondo. Da luglio stiamo preparando un codice di comportamento proprio per l’università insieme all’Anac. Ora è nella fase di consultazione, ma sarà pronto entro fine ottobre”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, in merito alla maxioperazione della procura di Firenze sui concorsi truccati che ha portato agli arresti domiciliare sette professori che si sarebbero spartiti cattedre universitarie e per questo avrebbero truccato dei concorsi. Per questo, con l’accusa di corruzione, sono stati arrestati e messi ai domiciliari sette professori universitari di importanti atenei italiani.

L’inchiesta, condotta dalla Procura di Firenze, guidata da Giuseppe Creazzo, è stata svolta dalla Guardia di Finanza, che all’alba di oggi ha eseguito le misure cautelari. Oltre ai 7 agli arresti domiciliari, sono scattate 22 misure interdittive allo svolgimento delle funzioni di professore universitario e di quelle connesse ad ogni altro incarico assegnato in ambito accademico per la durata di 12 mesi, sempre per reati di corruzione. Più di 150 sono state le perquisizioni domiciliari eseguite presso uffici pubblici, abitazioni private e studi professionali. L’operazione, eseguita dalla guardia di finanza di Firenze, che ha messo in campo oltre 500 ‘baschi verdi’ ha riguardato tutto il territorio nazionale. Nei confronti di altri 7 docenti universitari, il gip di Firenze si è riservato la valutazione circa l’applicazione della misura interdittiva all’esito dell’interrogatorio degli stessi. Secondo gli investigatori della guardia di finanza il contesto investigativo dell’operazione denominata ‘chiamata alle armi’ ha preso le mosse dal tentativo di alcuni professori universitari di indurre un ricercatore universitario, candidato al concorso per l’Abilitazione Scientifica Nazionale all’insegnamento nel settore del “diritto tributario”, a “ritirare” la propria domanda, allo scopo di favorire un terzo soggetto in possesso di un profilo curriculare notevolmente inferiore, promettendogli che si sarebbero adoperati con la competente Commissione giudicatrice per la sua abilitazione in una successiva tornata.

Gli approfondimenti hanno consentito di accertare sistematici accordi corruttivi tra numerosi professori di diritto tributario – alcuni dei quali pubblici ufficiali in quanto componenti di diverse commissioni nazionali (nominate dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) per le procedure di abilitazione scientifica nazionale all’insegnamento nel settore scientifico diritto tributario – finalizzati a rilasciare le citate abilitazioni secondo logiche di spartizione territoriale e di reciproci scambi di favori, con valutazioni non basate su criteri meritocratici bensì orientate a soddisfare interessi personali, professionali o associativi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento