lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Coni: Camera, ok pdl su limite tre mandati
Pubblicato il 19-09-2017


coniVia libera dell’Aula della Camera alla proposta di legge che limita a tre i mandati degli organi del Comitato olimpico nazionale italiano, delle federazioni sportive nazionali, delle cariche nel Comitato italiano paralimpico (Cip), nelle federazioni sportive paralimpiche, nelle discipline sportive paralimpiche e negli enti di promozione sportiva paralimpica.

Il provvedimento, approvato a Montecitorio con 281 sì, 62 no (M5S) e 63 astenuti (Si, Mdp e Fdi), torna al Senato. A favore, illustrato in Aula da Pia Locatelli, presidente del gruppo, il voto dei socialisti. Noi socialisti voteremo a favore di questo provvedimento che limita il numero di mandati per tutti gli organi elettivi delle federazioni sportive e del CONI così come limita il rinnovo delle cariche nel Comitato italiano paralimpico, nelle federazioni , nelle discipline e negli enti di promozione sportive paralimpici. Voglio ringraziare le colleghe e la relatrice che hanno voluto segnare il provvedimento con la prospettiva di genere. È quello che vorremmo fosse presente in tutte le leggi varate da questa Camera ed è la dimostrazione concreta di come l’aumento delle presenze femminili in questa legislatura porta dei risultati positivi”.

“Come ha ricordato la collega Coccia, il mondo dello sport è da sempre, e lo è tuttora, un mondo di uomini dove le donne vengono sempre sottorappresentate, spesso poco considerate, a volte persino derise. I vertici delle dirigenze sportive – ha detto ancora Locatelli – sono quasi di esclusivo appannaggio maschile, basti pensare alle 45 presidenze di federazione: 45 uomini su 45 presidenze. Negli organi decisionali nelle istituzioni sportive prese nel loro insieme, la presenza delle donne è inferiore al 20%, agli ultimi posti in Europa. Con questo provvedimento – ha concluso – si compie un primo importante passo prevedendo la promozione delle pari opportunità tra donne e uomini nell’accesso agli organi di direttivi e impone chiaramente che tutti gli statuti si adeguino una volta che questo provvedimento sarà legge”.

Soddisfatto il ministro dello Sport Luca Lotti che parla di un’altra promessa mantenuta. “Nelle mie dichiarazioni programmatiche di inizio mandato, tra gli altri obiettivi, c’era il riassetto della disciplina dei mandati degli organi di vertice delle federazioni e delle istituzioni sportive”.  Di parere del tutto opposto il M5S: “La priorità del governo è solamente quella di salvare Malagò, così pochi mesi dopo l’avvio del quadriennio olimpico dalla Camera arriva il via libera a una legge che permetterà all’attuale presidente del Coni di candidarsi un’altra volta”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento