domenica, 24 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Luigi Di Maio capovolge
la linea di Grillo
Pubblicato il 05-09-2017


grillo-dimaioPacato, dialogante, pragmatico. Luigi Di Maio, 31 anni, vice presidente della Camera, accelera nel tessere la sua “tela governativa”. Indica la strada del M5S “partito di governo” e non più di “opposizione anti-sistema”.

Il candidato in pectore cinquestelle a presidente del Consiglio capovolge la vecchia impostazione dei cinquestelle: “Non vogliamo un’Italia populista, estremista o anti-europeista. Il nostro obiettivo è creare e non distruggere”. Addirittura si ispira al premier conservatore della destra europeista spagnola Mariano Rajoy: “Il mio modello è il governo Rajoy”. Questa volta, per perseguire il suo progetto, è andato anche nella “tana del lupo” per illustrare la svolta, domenica 3 settembre è intervenuto al Forum Ambrosetti di Cernobbio sul lago di Como, il tradizionale appuntamento annuale delle classi dirigenti italiane, europee ed americane. Ha corteggiato i ‘poteri forti’: “Noi vogliamo una Italia smart nation, che investa nelle nuove tecnologie sia nel pubblico sia nel privato e quindi che cominci a creare lavoro e valore in questo settore”.

Addio agli attacchi agli oligopoli capitalisti, all’Europa e alla moneta unica. Di Maio, anzi, si mette tra i sostenitori dell’Unione europea e precisa: il referendum per abolire l’euro è solo una “extrema ratio” perché “noi non vogliamo distruggere, ma cambiare” la valuta unica europea.

E’ un preciso messaggio lanciato ai banchieri e ai grandi imprenditori italiani ed esteri, di casa nei seminari tenuti a Cernobbio, e visti dall’ala oltranzista del M5S come “i grandi nemici” del popolo sfruttato e impoverito dalla Grande crisi economica internazionale del 2008.

Di Maio ha operato lo “strappo” nonostante le tante critiche e i molteplici altolà dell’ala intransigente dei cinquestelle. Solo pochi giorni fa Ferdinando Imposimato, ex magistrato, uno dei candidati dal M5S a presidente della Repubblica, aveva condannato la scelta del vice presidente della Camera: “Che tristezza che il candidato premier M5S Luigi Di Maio si sieda a Cernobbio con un esponente della Trilatarale, che voleva la riforma della Costituzione. Il dialogo con i nemici della democrazia non è tollerabile. E’ la fine dell’alternanza”.

Di Maio, giacca, cravatta, cortese, niente insulti, sta perseguendo con tenacia, tra non pochi attacchi dall’interno del movimento pentastellato, il suo disegno di lasciare l’opposizione totale anti-sistema per approdare al governo nazionale dopo aver conquistato i sindaci di tante e importanti città italiane.

Negli ultimi due anni ha incontrato in Italia e nei suoi viaggi negli Usa e nella capitali europee diplomatici, politici, imprenditori, finanzieri di tutte le più importanti nazioni. La sua popolarità sta aumentando sempre di più. Gli ultimi sondaggi lo danno testa a testa con Matteo Renzi nelle preferenze degli italiani,per Palazzo Chigi. E precede Paolo Gentiloni, Silvio Berlusconi ed Angelino Alfano.

Tuttavia da qui alle elezioni politiche all’inizio dell’anno prossimo, la strada è ancora lunga. Può succedere di tutto. L’ala dei cinquestelle dei “puri e duri”, fedele al partito anti-sistema e anti-casta portato a uno strepitoso successo da Beppe Grillo, è mobilitata contro di Maio. Le insidie, poi, potrebbero arrivare anche da più vicino. Alessandro Di Battista non dà per scontata la candidatura di Di Maio alla presidenza del Consiglio. Il giovane deputato cinquestelle ha avvertito alla Festa del Fatto Quotidiano a Marina di Pietrasanta: “Io non credo che ci sarà un solo candidato”. E non è escluso che un altro candidato possa essere proprio Di Battista.

Poi sono sempre in agguato possibili “scivoloni”, tipo quello su Raffaele Marra nominato capo del personale del comune di Roma e poi finito in manette per gravi reati. Oppure ci sono gaffe come quella nella quale paragonò Matteo Renzi a “Pinochet in Venezuela”, mentre il generale golpista realizzò una sanguinosa dittatura nel Cile, un altro paese del Sud America. Di Maio fece immediatamente una rettifica per correggere l’errore, ma la caduta fece epoca.

Grillo finora l’ha sostenuto, anche se si infuriò per i suoi errori. Il garante del M5S per un periodo mise da parte Di Maio, poi gli confermò la sua fiducia. Ora il capo carismatico dei cinquestelle si dovrà pronunciare sulla svolta che capovolge la sua classica linea politica: l’attacco ai partiti tradizionali tradizionali, alla classe dirigente e ai grandi imprenditori italiani colpevoli del “fallimento” dell’Italia. Le accuse di “colpo di Stato”, di “golpettino furbo” e la rivendicazione del populismo (“Sono fiero di essere populista”) si sono sprecate per anni.

Si sono sprecate, ma da un po’ di tempo le urla anti-casta e anti-sistema non si sentono più. Né si sentono più gli insulti, le roboanti manifestazioni di piazza a colpi di “vaffa…”. Né, tantomeno, si ode più la minaccia di promuovere un referendum per far uscire l’Italia dall’euro. Forse in Grillo sta prevalendo la linea meno dura, quella di vincere “senza mettere paura” all’elettorato moderato. Comunque, adesso il vice presidente della Camera sta navigando con il vento a poppa.

Rodolfo Ruocco
(Sfogliaroma)

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento