martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Draghi: focus giovani e tutele uniformi per lavoratori UE
Pubblicato il 22-09-2017


Mario Draghi-BocconiMario Draghi, intervenendo al Trinity College di Dublino, in un convegno sul tema della disoccupazione giovanile, ha detto: “Oggi più che mai i Paesi europei devono trovare una soluzione stabile alla piaga della disoccupazione giovanile, affrontandone le cause strutturali”. Il Presidente della BCE ha aggiunto: “In alcuni Paesi dell’Eurozona sono stati  fatti passi avanti per ridurre la disoccupazione giovanile e col consolidamento della ripresa diminuirà ulteriormente. Ma per affrontare le cause strutturali della disoccupazione giovanile, sono necessarie forme di protezione omogenee tra i lavoratori, accordi di lavoro flessibili, programmi di formazione professionale efficaci, un elevato grado di apertura del commercio e sostegni per ridurre i costi sociali della mobilità. I giovani non vogliono vivere con i sussidi. Vogliono lavorare ed allargare le proprie opportunità ed oggi, dopo la crisi, i Governi sanno come rispondere alle loro richieste e come creare un ambiente in cui le loro speranze possano avere una opportunità”. Draghi ha esortato i Governi a rispondere alle richieste dei giovani, per il futuro dei loro Paesi e della loro democrazia.
Il Presidente della BCE ha proseguito: “Il Pil dell’Eurozona è in crescita da 17 trimestri consecutivi, creando nel complesso oltre 6 milioni di posti di lavoro. Dal picco del 24% nel 2013, la disoccupazione giovanile è scesa intorno al 19% nel 2016 ma è ancora di circa 4 punti percentuali più alta rispetto all’inizio della crisi nel 2007”. Poi, Mario Draghi ha anche puntualizzato: “Nel 2016 circa il 17% dei giovani tra i 20-24 anni non studia, non lavora e non fa formazione”.
Poi ha fatto riferimento al mercato del lavoro: “La segmentazione del mercato del lavoro e una scarsa formazione professionale sono tra i principali motivi dell’elevato tasso di disoccupazione giovanile persistente in diversi Paesi colpiti gravemente dalla recessione come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo. Invece, Paesi come Germania e Austria sono riusciti a mantenere bassa la disoccupazione giovanile grazie ad efficaci programmi di formazione professionale e piani mirati ai giovani più svantaggiati”.
Sui pericoli della criminalità informatica, ha detto: “La dimensione dominante per le banche centrali sono i rischi ai cyber-attacchi”. Draghi ha sottolineato che ogni innovazione tecnologica andrà affrontata da questo punto di vista. Rispondendo ad una domanda sulla piattaforma blockchain, utilizzata anche per il Bitcoin, ha affermato: “Alla Bce stiamo studiando tutto questo, e la nostra conclusione è che in questo momento la tecnologia non è ancora abbastanza matura per essere considerata dalle banche centrali per le loro politiche o per i sistemi di pagamento”.
Alla domanda di una studentessa su quali consigli volesse dare ai giovani che si apprestano ad affrontare il mondo del lavoro, Il Presidente della BCE ha risposto: “Rimanete curiosi, imparate dal mondo, la curiosità è ciò che spinge a esplorare nuove opportunità professionali e ambienti diversi e ad essere creativi. Non perdete mai il vostro coraggio”.
Poi Draghi ha aggiunto: “In diversi paesi il peso della crisi è caduto in modo sproporzionato sui giovani, lasciando un’eredità di speranze fallite, di rabbia e, infine, di sfiducia nei valori della nostra società e nell’identità della nostra democrazia”.
Dal convegno di Dublino, il Presidente della BCE ha lanciato un grande messaggio a favore dei giovani e della democrazia. Speriamo ed auspichiamo che i Governi dei Paesi della UE lo sappiano cogliere.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento