martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gerusalemme. Al via la marcia in Terra Santa
Pubblicato il 25-09-2017


gerusalemme

Ha avuto inizio ieri, domenica 24 settembre, la marcia della pace in Terra Santa organizzata dal Movimento WWP, “Donne Costruttrici di Pace”, in collaborazione con le Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai), la Confederazione Internazionale Laica Interreligiosa (Cili-Italia) e il Movimento Internazionale “Uniti per Unire”. “Questa marcia storica, che unisce donne ebree, musulmane, cristiane e laiche che, semplicemente, si sentono unite come donne a favore della pace, terminerà il 10 ottobre a Gerusalemme”: ad annunciarlo è Foad Aodi, “Focal Point” per l’Integrazione in Italia per l’Alleanza delle Civiltà (UNAoC), Fondatore di #Cristianinmoschea e Co-mai. Che s’ è recato quest’ estate in missione in Terra Santa, aprendo il Convegno organizzato da WWP, con più di 500 donne di tutte le religioni, presso Taibeh, alla presenza del Sindaco della città Avv. Sohaa Mansour, del Presidente della Lista Araba Unitaria, On. Ajman Aodi, e dei Rappresentanti di WWP.

“Ringraziamo il Movimento delle Donne Costruttrici di Pace per il loro grande impegno: che coinvolge già più di 50 mila donne, indistintamente dalla loro religione di appartenenza. Queste donne -aggiunge – sono unite nella sofferenza e nella gioia, nella stanchezza di contare i morti, nella speranza di cambiare le cose con una soluzione a due Stati e due popoli, per la sicurezza di tutti. Ringraziamo, oltre a WWP, anche la scrittrice Shazarahel, Vice Presidente di CILI-ITALIA e Coordinatrice del Dipartimento donne di Uniti per Unire; e il Sindaco di Taibeh, per avermi invitato quest’estate al Convegno sulla pace, toccante e emozionante, e per aver aderito alle iniziative delle #FestedelDialogo, promosse da Co-mai, dalla Confederazione Internazionale Cili-Italia e da Uniti per Unire ( svoltesi, nella prima decade di settembre, fra Italia e Terrasanta, con varie occasioni d’ incontro e dialogo tra musulmani, cristiani ed ebrei, N.d.R.). Continuiamo con coraggio questo percorso comune, che mira a costruire ponti di dialogo contro la guerra alle religioni e contro il terrorismo, ancor più rafforzati da una collaborazione concreta che lavorerà sui temi Dialogo, Conoscenza, informazione, Istruzione, Sanità e Cooperazione Internazionale”.

La Marcia della pace prevede anche l’organizzazione di dibattiti e convegni, e terminerà con proposte concrete, per la pace tra palestinesi e israeliani.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento