lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giappone, Shinzo Abe indice elezioni anticipate
Pubblicato il 25-09-2017


abeIl Primo ministro giapponese Shinzo Abe ha annunciato lo scioglimento della Camera bassa per il 28 settembre, una misura che comporta automaticamente la convocazione di elezioni entro i 40 giorni successivi che saranno quindi anticipate. Il premier in carica dal 2012, ha deciso di capitalizzare così la grande popolarità che avrebbe nel Paese secondo i sondaggi e il contestuale momento disastroso per l’opposizione. Il premier ha infatti dichiarato che attraverso il voto i giapponesi avranno la possibilità di esprimersi sul suo programma economico: la tassa sui consumi passerà dall’8 al 10 per cento, ma aumenteranno gli investimenti sociali e verrà posticipato l’obiettivo del pareggio di bilancio previsto per il 2021.
A lungo il governo di Abe ha avuto difficoltà nel mantenere un consenso, ma in suo aiuto è corso il leader nordcoreano Kim Jong Un. I suoi test nucleari e balistici, a partire da quello di metà agosto con un missile che ha sorvolato il Giappone, hanno di fatto riportato fiducia attorno a un leader e a un governo che punta a fornire al Sol levante una maggiore capacità di reazione militare.
Shinzo Abe non ha fornito una data per le elezioni anticipate ma, secondo l’agenzia di stampa Kyodo, i piani della coalizione di governo sono di portare i giapponesi alle urne il 22 ottobre.
Molti analisti politici ritengono che Abe – reduce da un paio di scandali che ne avevano intaccato la popolarità – intenda cavalcare la recente ripresa dei consensi legata alla crisi internazionale innescata dalla Corea del Nord e soprattutto cercare di non dare troppo tempo alle opposizioni per riorganizzarsi. Così, per quanto il suo partito abbia oggi una larghissima maggioranza alla Camera Bassa difficilmente replicabile, Abe ha deciso di chiedere agli elettori un rinnovo del mandato.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento