martedì, 19 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lo stupro di Rimini e la crudeltà informativa
Pubblicato il 08-09-2017


Libero ha titolato: “Stupro di Rimini, i verbali dell’orrore: violenze disumane e doppia penetrazione, il racconto della turista e del trans”, e il Corriere della Sera ha pubblicato i verbali delle deposizioni sotto l’occhiello “Le carte”. Pagine piene di particolari terrificanti avvenuti nella notte tra il 25 e il 26 agosto sulla spiaggia di Rimini. Come se la parola “stupro” non lasciasse già intendere qualcosa di terribile.

L’articolo è stato scritto da una donna, Roberta Catania. Il fatto che sia stata una donna a voler violentare di nuovo le due vittime colpisce ancora di più. Violare una persona nella sua dignità e nella sua sensibilità con un titolo a effetto non fa altro che moltiplicarne una sofferenza che le è già stata inflitta ingiustamente da quattro bestie.

Era veramente necessario? Era necessario copiare i verbali? Verbali che tra l’altro non potevano essere consegnati ai giornali in questa fase. I dettagli di uno stupro non rendono lo stupro più grave. Bastava immaginarseli in quattro contro una per sapere che l’orrore vissuto dalla donna polacca e dal suo amico e dalla transessuale difficilmente sarà dimenticato. L’orrore, la paura e la vergogna. Aggiunta alla vergogna di sapere poi che tutti sanno nel dettaglio cosa gli è stato fatto. Le vittime di violenza nelle loro ricostruzioni sono costrette a raccontare e riascoltare cosa gli è successo più e più volte, rivivendo quella violenza. Pubblicare tutto su un giornale è una mancanza di rispetto nei confronti del dolore che accompagnerà sempre queste donne. Per mostrare la brutalità del branco si calpestano le vittime. Come se i giornali e il web fossero un’aula di tribunale. I dettagli più crudi interessano alla magistratura non a noi che della disumanità del “branco” dovremmo essere abbastanza convinti solo dalla semplice notizia.

La morbosità non ha nulla a che vedere con il diritto di cronaca né con liberà di espressione. È solo pornografia intellettuale regalata in pasto a chi si esalta osservando il mondo dal buco della serratura.

Valentina Bombardieri
Blog Fondazione Nenni

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento