martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Operazione Condor, il teatro prova a fare ‘giustizia’ per Laura
Pubblicato il 29-09-2017


operazione condor“Papà quando ci sei tu i mostri vanno via”, è una delle frasi che più colpisce durante lo spettacolo. Potrebbe sembrare rassicurante sentire una figlia dirlo al proprio padre e invece il vero mostro è colui che l’ha cresciuta.
Il teatro prova a ridestare la memoria su una delle vicende più macabre e inquietanti del secolo scorso: i famigerati ‘voli della morte’ eseguiti dai militari delle dittature latinoamericane, in particolare al centro della vicenda la storia di Laura che non ancora ventenne partorisce sua figlia in una di queste case adibite alla tortura.
Operazione Condor, il volo di Laura si sviluppa su due storie parallele e intrecciate tra loro: da una parte la narrazione diretta di Laura che narra alla figlia in grembo le sevizie e le torture a cui è sottoposta, dall’altra il processo in diretta e la contrapposizione tra Tamara (figlia di Laura) e il suo padre adottivo e presunto aguzzino della madre. Sul palco quattro attori: un giudice, un imputato, lo spirito di Laura e Tamara, sullo sfondo il proiettore con le testimonianze vere del processo.
Una storia portata alla luce grazie al Processo Condor: per circa quindici anni il Pubblico Ministero italiano ha condotto le indagini sul ‘piano Condor’, dopo aver ricevuto le denunce dei parenti delle vittime e dei sopravvissuti. Il piano di sterminio conosciuto come Operación Cóndor o Plan Cóndor viene definito quale coordinamento tra i regimi, i corpi militari ed i servizi segreti delle dittature di Argentina, Brasile, Bolivia, Chile, Paraguay, Uruguay e, in forma meno constante, Perù. In realtà si è trattato di un’associazione a delinquere finalizzata alla scomparsa degli oppositori ai regimi, come accertato nella recente sentenza argentina. Il tragico risultato del Plan Cóndor è stato l’assassinio sistematico di circa 50.000 persone, di 30.000 prigionieri desaparecidos e 400.000 detenuti.
Un’opera importante che mette in scena non soltanto una storia che si sviluppa come un thriller, ma si tratta di una storia vera che mette in evidenza l’importanza della verità, così da rendere giustizia alle continue denunce e ricerche fatte dalle “Madri e delle Nonne di Plaza de Mayo”.

Al teatro Marcello 28 – 29 – 30 Settembre 2017 h:21.00
(Via del Teatro di Marcello, 00186 Roma)

OPERAZIONE CONDOR
Il volo di Laura

Idea originale di Liliana García Sosa
Drammaturgia di Daniella Lillo Traverso
Regia e messa in scena di Liliana García Sosa e Ugo Bentivegna

Cast:
Liliana García Sosa
Maria Cristina Moglia
Roberto Burgio
Ugo Bentivegna
Nibia López Balao (video testimonianza)

Musica Originale Inti Illimani-Camilo Salinas
Scene e costumi Erminia Palmieri
Disegno luci Luca Barbati
Aiuto regia Gianluca Mazzanti
Dir. di Produzione Rosina Zímbaro e Paolo Monaci Freguglia
Produttore per l’America Latina María Fernanda García Iribarren

Una produzione Fattore K., Soc. Coop. Teatro Stabile delle Arti Medioevali,
Forteresse Asbl, Polifemo

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento