venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

REf17, da stasera arriva il Festival più eclettico e cosmopolita d’Italia
Pubblicato il 26-09-2017


Dopo la travolgente inaugurazione con il debutto italiano di Kreatur, ultimo lavoro della grande coreografa tedesca Sasha Waltz, la 32esima edizione di Romaeuropa Festival entra nel vivo della sua intesa programmazione.

fractus_vIl 26 – 27 settembre, all’Auditorium Conciliazione, salirà sul palcoscenico un altro dei maggiori esponenti della danza contemporanea, Sidi Larbi Cherkaoui. Nel suo Fractus V Cherkaoui vuole dare forma materica al conflitto comunicativo della società contemporanea, dispiegando danzatori e musicisti dalla provenienza geografica e dal background diversissimo per affrontare, attraverso le parole del linguista e filosofo Noam Chomsky, il problema della manipolazione dell’informazione.

Dal 28 settembre al 1 ottobre toccherà invece alla coreografa sudafricana Dada Masilo, in scena al Teatro Olimpico con la sua rabbiosa rilettura di Giselle sulle musiche composte da Philip Miller e con le immagini di William Kentridge. Per l’occasione il 27 Settembre il festival Romaeuropa organizza una performance pubblica e spontanea all’interno dei prestigiosi spazi di Villa Medici in cui la compagnia danzerà insieme al pubblico un frammento dello spettacolo, per una festa improvvisa in omaggio a questa grintosa coreografa

Musica antica coniugata nello spazio scenico: questo avverrà dal 29 settembre al 1 ottobre al MACRO Testaccio con la compagnia Muta Imago che insieme all’Ensemble Arte Musica allestisce in versione integrale il ciclo dei Canti Guerrieri dal Libro Ottavo dei Madrigali di Monteverdi.

Torna a REf17 il grande artista belga Jan Fabre, che dopo aver presentato nel 2015 il suo Mount Olympus, opera monumentale della durata di 24 ore vincitrice del Premio Ubu 2016, il 30 settembre e il 1 ottobre propone il nuovo BELGIAN RULES/BELGIUM RULES. Quella che andrà in scena al Teatro Argentina è un’invettiva e al contempo una dedica al suo Belgio e una riflessione personalissima sul presente dell’Europa.

Il 27 settembre inoltre sarà possibile vedere il film Surrender che il regista Phil Griffin ha dedicato al grande artista belga e al suo Mount Olympus.

Domenica 1 ottobre inaugura invece il primo dei numerosi live musicali che costellano la variegata programmazione di Romaeuropa Festival. L’Auditorium Parco della Musica verrà conquistato dall’incredibile incontro tra musica techno e afrobeat: Tony Allen, uno dei migliori batteristi di tutti i tempi secondo Brian Eno, incontra il re del clubbing più sperimentale Jeff Mills per un concerto unico dove il jazz si intreccia all’elettronica.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento