mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

IL PIL VEDE ROSA
Pubblicato il 01-09-2017


cantiereContinua la crescita dell’economia italiana che prosegue da dieci trimestri di fila, ovvero dai primi tre mesi del 2015, e tocca il livello più alto da sei anni. A certificare nero su bianco la ripresa in corso è l’Istat: nel secondo trimestre il prodotto interno lordo – corretto per gli effetti di calendario – è cresciuto dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’1,5% rispetto al secondo trimestre 2016.

L’istituto di statistica conferma le stime diffuse il 16 agosto scorso e come già rilevato allora, per trovare un aumento tendenziale maggiore bisogna tornare al primo trimestre del 2011. La variazione acquisita del Pil, quella che si registrerebbe in caso di crescita nulla nella restante metà dell’anno, è dell’1,2% per il 2017. Ipotizzando, un terzo e quarto trimestre in linea con i primi due trimestri, la crescita potrebbe raggiungere l’1,5%. Una spinta per la manovra autunnale che il governo si appresta a mettere in campo.

Le previsioni ufficiali dell’esecutivo, contenute nel Documento di economia e finanza varato ad aprile, indicano una crescita dell’1,1% per l’anno in corso e dell’1% per il 2018. Ma, con tutta probabilità, saranno ritoccate al rialzo nella Nota di aggiornamento al Def che il governo dovrà varare entro fine settembre, in linea con le revisioni al rialzo condotte da tutti le principali istituzioni internazionali, ultima l’agenzia di rating Moody’s che per quest’anno e l’anno prossimo stima un aumento del Pil dell’1,3% contro lo 0,8% e l’1% indicati in precedenza.

“Anche oggi arrivano buoni segnali dal punto di vista dell’economia, e mi auguro questo ci consenta di proseguire nei prossimi mesi sulla strada per dare maggiori risorse per i poveri e gli esclusi”, ha commentato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

La crescita del Pil nel secondo trimestre, segnala l’Istat, è stata trainata anche dalla spesa delle famiglie. Su base congiunturale, cioè rispetto al primo trimestre, è salita dello 0,3% mentre su base annua, e cioè rispetto al secondo trimestre 2016, è cresciuta dell’1,2%. Rispetto al trimestre precedente, tutti i principali aggregati della domanda interna registrano aumenti, con una crescita dello 0,2% dei consumi finali nazionali e dello 0,7% gli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono cresciute, rispettivamente, dello 0,7% e dello 0,6%.

La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito per 0,3 punti percentuali alla crescita del Pil (+0,2 i consumi delle famiglie e delle istituzioni sociali private Isp, +0,1 gli investimenti fissi lordi e contributo nullo della spesa della pubblica amministrazione). Anche la variazione delle scorte ha contribuito positivamente (+0,1 punti percentuali), mentre il contributo della domanda estera netta è risultato nullo. La crescita è stata determinata anche da andamenti congiunturali positivi per il valore aggiunto dell’industria (+0,6%) e dei servizi (+0,4%), rialzi controbilanciati dalla diminuzione del valore aggiunto dell’agricoltura (-2,2%) e delle costruzioni (-0,4%).

“Se i risultati riguardanti l’occupazione – sostiene Fabrizio Cicchitto di Alternativa Popolare – sono positivi è anche il frutto dell’azione di Governo nel quale Alternativa Popolare ha svolto un ruolo importante per ciò che riguarda alcune voci della pressione fiscale e il sostegno alle famiglie”. “L’attacco del centrodestra e’ destituito di fondamento ed una dimostrazione di estremismo. E’ dal 2010-2011 che il Paese è stato investito da una durissima recessione i cui effetti non è che possono essere tutti superati con un colpo di bacchetta magica”.

Per le associazioni dei consumatori e le organizzazioni di categoria del commercio si tratta di segnali incoraggianti. Guglielmo Loy, della Uil, afferma che i dati sull’economia “fotografano uno stato di moderata, ma costante espansione dell’economia. Ora, però, bisogna consolidare questi risultati, con scelte coraggiose nella prossima Legge di Bilancio, in quanto il miglior toccasana per tenere sotto controllo il debito pubblico è l’aumento in valori nominali del Pil”. “Auspichiamo che il ‘tesoretto’, dovuto alla maggiore crescita di quest’anno del Pil, sia destinato veramente a misure per lo sviluppo che stimolino gli investimenti, soprattutto al sud, concentrando le risorse su pochi obiettivi. Taglio strutturale del costo del lavoro – conclude- per sostenere l’occupazione stabile, una graduale riduzione della pressione fiscale e misure per il benessere sociale sono le misure che riteniamo prioritarie per la crescita e lo sviluppo”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento