mercoledì, 20 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Masolini:
La cultura e la comunicazione
in Europa
Pubblicato il 01-09-2017


Proprio in queste ore ad Heraclea (l’odierna Policoro), in provincia di Matera, un antico paese affacciantesi sul mare Ionio, è in corso l’assise degli esperantisti d’Italia. Riunitisi in quel bel luogo da sabato scorso – e la cui lunga kermesse si concluderà domani – per il loro 84esimo Congresso, essi dovranno eleggere – fra le tante altre cose che hanno in programma – il nuovo Consiglio direttivo degli appartenenti alla Federazione Esperantista Italiana (FEI).

Sorta a Firenze nel 1910 questa associazione, da sempre priva di colore politico e religioso (che sin dal 1956 è stata giustamente assurta ad ente morale), riunisce infatti quasi tutta la famiglia degli amici della lingua esperanto – voluta nel 1887 dal medico oculista Lazzaro Zamenhof -, promuovendone la sua (facile) conoscenza ed una notevole propagazione. Il tema centrale del Congresso di quest’anno è la cultura e la comunicazione in Europa. In un sistema ormai così globalizzato e globalizzante come quello che stiamo vivendo che riguarda appieno anche l’ambito linguistico, dove è molto ben evidente la forte tendenza ad inglesizzare più lingue possibili (basti pensare alla nostra stessa lingua), il tema in discussione è quindi senz’altro di stretta attualità ed anche alquanto interessante. Tanto più se visto dal mondo degli esperantisti, che in fatto di lingue ne sono sempre stati attenti critici osservatori. Anche per questo attendiamo molto volentieri gli esiti. Comunque, conoscendo i loro intenti, siamo certi che non rimarremo delusi. Salutando, dunque, tutti i delegati e i tanti partecipanti (anche stranieri) lì presenti, gli auguriamo un buon proseguimento e, a questo punto, un buon fine lavori.

Luciano Masolini

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento