venerdì, 16 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fca. Operai in Cassa integrazione a Mirafiori e a Melfi
Pubblicato il 04-10-2017


Operai della Fiat entrano in fabbrica a Termini Imerese (Palermo), 24 novembre 2011. E' l'ultimo giorno di produzione, poi cassa integrazione fino al 31 dicembre. ANSA/MICHELE NACCARI

Operai della Fiat entrano in fabbrica a Termini Imerese (Palermo), 24 novembre 2011. E’ l’ultimo giorno di produzione, poi cassa integrazione fino al 31 dicembre.
ANSA/MICHELE NACCARI

Mentre Fca vola in borsa, nelle fabbriche mostra l’altra faccia della medaglia, quella della crisi. Nonostante le promesse dell’Ad Marchionne sulla piena occupazione, si continuano a registrare cig in tutta la Penisola, anche se gli stabilimenti più penalizzati restano quelli torinesi. Dopo la settimana di cassa integrazione ordinaria già prevista dal 16 al 20 ottobre, Fca ha comunicato un nuovo periodo di cassa integrazione anche dal 30 ottobre al 4 novembre per i 1640 lavoratori della Carrozzeria di Mirafiori impegnati sulla linea del Maserati Levante, mentre gli altri 2100 sono in contratto di solidarietà. Stessa sorte per i 600 lavoratori delle Presse. “Ancora una volta Fca chiama in causa le regole del mercato cinese – dice Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil – che però sarà decisivo anche nel prossimo futuro non solo per il suv Maserati, ma per tutte le vetture del segmento Premium. Resta il fatto che il ricorso agli ammortizzatori sociali cresce a Mirafiori come a Grugliasco, a Pomigliano come a Melfi. E non solo l’amministratore delegato, ancora in questi giorni, ha rinviato al 2018 il piano relativo ai prossimi investimenti, ma ha dimenticato di dire che in alcuni stabilimenti, come Mirafiori, gli ammortizzatori sono destinati a finire tra meno di un anno. L’unica certezza è il fatto che la promessa della piena occupazione entro il 2018 negli stabilimenti italiani si sta rivelando una pura e semplice chimera”.
Infatti anche a Melfi è arrivata la cassa integrazione, dopo alcune settimane nei mesi estivi e ora due settimane fra settembre e ottobre, arriva la comunicazione di queste ore. “Fca Melfi ha comunicato la sospensione delle attività lavorative, adeguamento dei flussi produttivi, con il conseguente utilizzo della cassa integrazione nei seguenti periodi:
Modello SUV: Dalle ore 06.00 del 30/10 alle ore 06.00 del 06/11/17; Dalle ore 14.00 alle ore 22.00 del 12/11/2017; Dalle ore 14.00 alle 22.00 del 19/11/2017;Dalle ore 14.00 alle ore 22.00 del 26/11/2017
Modello Punto: Dalle ore 14.00 del 30/10/2017 alle ore 22.00 del 03/11/2017”.
Quest’ultima inoltre rischia la chiusura con il rischio per i 1.200 operai.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento