domenica, 22 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Festa del cinema 12…volte più ricca
di eventi
Pubblicato il 30-10-2017


festival-cinema-roma
Iniziata la 12^ edizione della Festa del cinema di Roma, è sempre più ricca.
Non solo film, anteprime e masterclass. In ogni luogo e in ogni dove. Il mondo dell’audiovisivo vive nella Capitale per dieci giorni. Ovviamente grande attesa per le star internazionali: da Christoph Waltz, a Xavier Dolan, a Jake Gyllenhaal, a Chuck Palahniuk, a Ian McKellen, a Michael Nyman, a Vanessa Redgrave, per finire con Phil Jackson e David Lynch; per continuare con gli ospiti italianissimi: Rosario Fiorello, Nanni Moretti e Gigi Proietti. Con tanto di omaggio a Totò, oltre alla classica ‘Retrospettiva’ tutta rigorosamente italiana.
Poi ovviamente suscita sempre attenzione ed interesse la sezione di “Alice nella città”, che offrirà anteprima di “Frozen 2” ed il proseguo de “Il ragazzo invisibile”. Tutto in esclusiva per le scuole; non a caso anche quest’anno “Alice nella città”  sarà al fianco di ‘Every child is my child’ (‘ogni bambino è il mio bambino’, il collettivo di artisti presieduto da Anna Foglietta); per attivare una raccolta fondi a favore di due iniziative della Onlus di Lorenzo Locati “Si può fare”, e per replicare la positiva esperienza degli scorsi anni quando si è arrivati a cumulare quasi due milioni di euro.
Ma la Festa del cinema é sempre più impegnata nel sociale. Non si può non citare la campagna di Amref (charity partner della kermesse, che quest’anno festeggia i 60 anni di attività): “Africa per me non sei zero”; per far capire come agisce Amref sono stati realizzati un cortometraggio (regia di Antonio Costa, con Remo Girone, Paolo Briguglia e Lorenzo Lavia), prodotto da 8Production, un documentario di Werner Herzog sui suoi fondatori dal titolo “I medici volontari dell’Africa orientale” e una mostra di ritratti di Francesco Cabras.
65 anni anche per Anac (l’Associazione nazionale autori cinematografici), che si è dedicata un film documentario in quattro parti che raccoglie testimonianze e interviste di soci e membri (tra i quali vanta – ad esempio – Ettore Scola). Per l’occasione della Festa del cinema ne è stata fatta una versione ridotta dai suoi realizzatori: Francesco Ranieri Martinotti, Pierpaolo Andriani, Tino Franco, Giuliana Gamba, Alessandro Rossetti, Giacomo Scarpelli, Alessandro Trigona.
Per quanto riguarda ancora ricorrenze e sfera solidale, molto rilevante in questa edizione l’impegno per la promozione di un’alimentazione equilibrata e nutriente contro i rischi dell’obesità, di cui soffre in Italia un bambino su tre. La dieta mediterranea, 50 anni fa, veniva proclamata “Patrimonio culturale immateriale dell’umanità” dall’Unesco. Il corto “Good food” (prodotto da Morol Srl e con Salvatore Esposito, Giorgio Colangeli, Justine Mattera) ricorda questo importante anniversario.
Quest’ultimo richiama il film “Food” dei registi Rusca, che sarà proiettato durante un convegno sulle eccedenze alimentari (organizzato dal Codacons e fissato per il 3 novembre prossimo allo ‘Spazio Tiziano’). In tale circostanza, inoltre, sarà assegnato il “Premio amico del consumatore”, rivolto a tutte le personalità che si sono contraddistinte in tale ambito. E istituito per sensibilizzare su un tema così rilevante ed attuale. Come – del resto – il concorso cinematografico “Doc Wine Travel Food” da parte di ‘Gambero rosso’ e giunto alla 3^ edizione. Lo scopo è veicolare il messaggio che il nostro benessere mentale e fisico passa anche e attraverso il cibo, quello che mangiamo; pertanto é bene conoscere ed essere consapevoli degli effetti benefici e curativi di una corretta alimentazione sana.
Questo progetto non poteva non essere che in collaborazione con il policlinico Gemelli. E non è il solo. Ve ne è anche un altro, che vede coinvolta la struttura ospedaliera e portato avanti da ‘MediCinema Italia Onlus’: ossia la programmazione di film all’interno del nosocomio dove è stata allestita (a partire dal 2016) una vera e propria sala cinematografica. Questo permetterà ai pazienti (durante la Festa del cinema) di poter vedere – in contemporanea – due film del programma ufficiale. Con tale selezione si arricchisce la programmazione bisettimanale che avviene al policlinico Gemelli (tutti i martedì e i giovedì, quando è rivolta solamente ai pazienti pediatrici).
Ed i film della Festa del cinema approderanno non solo in ospedale, ma anche in carcere, nel penitenziario di Rebibbia: dal 31 ottobre fino al 2 novembre ed i film saranno ad ingresso gratuito; e il 3 novembre (alle ore 11) – per la prima volta – anche nella sala cinema ‘Melograno’ della Casa Circondariale Femminile. Qui, oltre a un film della Festa del cinema, vi sarà la proiezione del cortometraggio ‘SalviAmo la faccia’ (con protagoniste delle detenute e Giulia Merenda quale regista).
Un’iniziativa, quest’ultima, che si inserisce in un progetto più ampio contro la violenza di genere – tema da sempre affrontato qui alla Festa del cinema  -, promosso dalla Fondazione Doppia Difesa (voluta da Michelle Hunziker e dall’avvocato Giulia Bongiorno). Per sensibilizzare l’opinione pubblica su un argomento così rilevante, verranno proiettati tre film che lo trattano con profondità. Il primo novembre sarà la volta di “Uccisa in attesa di giudizio” (regia di Andrea Costantini, con Ambra Angiolini ed Alessio Boni). Poi il 3, invece, verrà proiettato “Sara”, sull’omicidio di Sara Di Pietrantonio (che sarà mandato in onda su Real Time nella giornata contro la violenza sulle donne del 26 novembre), a cui seguirà un dibattito con la madre della giovane, con la giornalista Dacia Maraini, con la senatrice Francesca Puglisi e con uno degli autori del documentario: Daniele Autieri. Lo stesso giorno sarà, infine, il turno di “Ma l’amore c’entra?”, che raccoglie le storie di tre uomini che hanno cercato di cambiare (dando, così, anche la visione maschile del problema e offrendo anche quel punto di vista). Tutti eventi ospitati dal Maxxi, che avranno luogo lì dove molti altri avverranno.
Un esempio è stato quello sull’importanza del ‘Made in Italy’ (del 27 ottobre scorso), con la proiezione del cortometraggio “Cinque” e un convegno sulle eccellenze dell’artigianato nostrano. Oppure quello del giorno dopo (il 28) su “Creatività e crescita culturale in Europa: quale ruolo per il servizio pubblico?”, con Luca Bergamo; per interrogarsi su quanto il mondo dell’audiovisivo offrano un servizio pubblico, facendosi promotori di cultura e veicolando creatività attraverso radio e tv. E ancora l’altro (del 30 ottobre), che analizza quanto la critica cinematografica possa cambiare a seconda del mezzo su cui viene trasmessa; non solo carta stampata, ma anche il web, non esclusivamente su giornali e quotidiani, ma anche da riviste e altri mass media più o meno specializzati e specialistici. Mezzi di comunicazione di massa che comprendono anche i libri, non necessariamente settoriali e di nicchia e per appassionati o addetti ai lavori, ma che instaurano dibattiti universali su tale problematica. Infatti, durante il panel “Condizioni critiche” della Festa del cinema (replica ‘fortunata’ della precedente edizione), c’è stato il confronto tra Annette Insdorf (della Columbia University) – non a caso critico cinematografico del The New York Times – e Paolo Mereghetti del Corriere della Sera.
Del resto era il dicembre 2015 quando Roma è stata eletta City of Film – ovvero città creativa dell’Unesco. Ora, a distanza di due anni, si vuole fare di più costruendo un vero e proprio Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema (Miac). Non solo. Durante un altro dibattito (del 32 ottobre) si parla dell’ipotesi di una cooperazione tra città sede della creatività stessa.
Ed è in tale ambito che la Festa del cinema si è fatta momento di riflessione, stimolando a pensare a quale sia stata l’evoluzione e quale futuro per l’audiovisivo; prima con un convegno del 27 ottobre (voluto da Anica, Apt, Istituto Luce Cinecittà, Mise e Mibact) e, poi, von la proiezione di un film “La macchina umana” (con Valentina Corti, il 31, perla regia di Adelmo Togliani e Simone Siragusano).
A questo proposito, non si può non parlare del coinvolgimento de
Barbara Conti
Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento