martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fratelli coltelli
Pubblicato il 10-10-2017


I no.
Nessun interesse per le lotte intestine che dilaniano la sinistra.
Nessun interesse per la resa dei conti tra ex comunisti.
Nessun interesse per lo scontro tra ex.
Nessun interesse per quel massimalismo parolaio che combattiamo dal tempo di Turati.

I si.
Al lavoro per una formazione riformista che abbia lavoro ed Europa nel cuore. Che si presenti alle prossime elezioni raccogliendo il meglio delle culture democratiche, socialiste, civiche, laiche. Che concorra alla vittoria del centro sinistra. Che sbarri il passo a populismi verdi e pentastellati. Che combatta il seme del secessionismo. Che ci renda più giusti e più liberi.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Segretario,

    so che appare fuori tema ma…come procede la vicenda Alitalia? Novità sul destino della compagnia di bandiera?

    Grazie mille, buon lavoro e cordiali saluti da Budapest,
    Mario.

  2. A proposito di “lotte intestine” e “resa dei conti”, c’è una sinistra divisa su tante cose ma unita nel conservare una buona dose di “antipatia” verso i socialisti, e nonostante ciò vi è una parte di questi ultimi che continua a volersi alleare con tale sinistra, o addirittura convogliarvi.

    Più che parlare di riformismo, mi verrebbe quasi da pensare al “masochismo”, naturalmente con tutto il rispetto per chi non la pensa come me..

    Paolo B. 11.10.2017

  3. Il riformismo e il progressismo in questi ulti 25 anni hanno contribuito alla formazione del sistema liberista e della globalizzazione, alla cessione della sovranità monetaria ceduta alle banche e alla distruzione delle norme scritte da socialisti sulle politiche del lavoro, sul Walfare, sull’ austerità e sul fiscal compact. Molti socialisti sono usciti dal partito che ormai è retto , al momento, più nel male che nel bene da un pensiero unico. Questa situazione può favorire alcuni ma marginalizzare molti altri. Ancora sono iscritto al PSI e come tale per orientare la mia attività politica desidererei sentire su queste pagine come si pone il nostro partito in relazione a queste tematiche. Grazie

Lascia un commento