martedì, 24 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Rosatellum nel pugnum?
Pubblicato il 11-10-2017


Due parole sulla legge elettorale, definita Rosatellum, in realtà Mattarellum rovesciato, con un terzo di collegi uninominali maggioritari e due terzi di quota proporzionale con listini bloccati. Siamo all’emergenza, non c’é tempo per approvare la legge migliore. C’é solo il tempo per approvare una legge che sia meglio dell’attuale. Che é quel che resta dell’Italicum alla Camera e quel che resta del Porcellum al Senato. Per di più con evidenti incompatibilità (le liste alla Camera, le coalizioni al Senato, lo sbarramento al 3 alla Camera e all’8 regionale al Senato). Dunque meglio il Rosatellum che uniforma Camera e Senato, rende possibili, anzi necessarie, per l’una e per l’altro, le coalizioni, permette a una eventuale lista a sinistra e a destra del Pd di presentarsi coalizzate, permette a Forza Italia di distinguersi dalla Lega.

Restano due obiezioni che, se non fossimo in emergenza, si potrebbero anche approfondire. La prima riguarda il voto unico. L’ho scritto a suo tempo quando si parlava di modello tedesco. Lo ha ripetuto Onida ieri sul Corriere. E’ di dubbia costituzionalità l’espressione di un voto a un candidato sul proporzionale che si trascina dietro di conseguenza un voto a un altro candidato sull’uninominale. Il Mattarellum prevedeva infatti il doppio voto. Anche rovesciandolo dovrebbero valere le stesse norme. La seconda é riferita alle liste bloccate. Personalmente sono sempre stato favorevole alle preferenze (sono stato eletto due volte alla Camera scelto dagli elettori, e una volta nominato, ma c’é differenza, grande). E’ vero che nell’uninominale si sceglie un nome, ma quest’ultimo è espressione di un simbolo, mentre nel proporzionale i listini sono bloccati, con la possibilità di seminare ben cinque candidature in altrettanti collegi.

Nell’emergenza accettiamo anche il ricorso alla fiducia. Senza, sarebbe stato assai complicato far passare una legge con la richiesta di plurimi voti segreti e con le preoccupazioni dei singoli parlamentari rispetto alla loro rielezione. Vi fece ricorso anche De Gasperi nel 1953 per quella legge che socialisti e comunisti vollero definire “truffa” e che invece attribuiva solo un premio (per la verità un po’ troppo alto) a una coalizione che avesse superato la soglia del 50 per cento. Nel ricorso alla fiducia non c’è nulla di incostituzionale, anche se, per la verità, il cosiddetto Rosatellum è una legge di emanazione parlamentare.

Questa nuova legge rende possibile, dunque, la presentazione di liste sul proporzionale, che poi si collegano sull’uninominale. Si va profilando dunque la nuova geografia del centro-sinistra e nuove opportunità per i socialisti. Oltre al Pd ci sarà una lista centrista con Alfano, forse Calenda, ex Udc e Scelta civica, verdiniani. Poi ci sarà una lista che dovrebbe far leva su Emma Bonino, Forza Europa di Della Vedova, i radicali (forse non tutti). Non so se ci sarà, in questa lista, se ne farà una sua o se deciderà di non fare alleanza col Pd, l’ex sindaco di Milano Pisapia sul cui futuro aleggia un destino alla Segni o alla Monti, se dovesse cambiare ancora posizione. Vedremo. Resto convinto che il Psi debba concorrere con i suoi candidati a una lista riformista, laica, liberale, una sorta di Rosa nel pugno due aperta anche a nuove componenti ideali. Vedo che anche Letta e Prodi sono in movimento. Magari. Tutto quello che nasce, all’interno del centro-sinistra, con una vocazione competitiva, ma non alternativa, al Pd può raccogliere il nostro consenso. Lo ha già dichiarato Riccardo Nencini. Sottoscrivo.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sul voto unico e sulle liste bloccate, anziché le preferenze, ho sentito esprimere molte perplessità, per non dire critiche, anche piuttosto accese, e questo riguarda il “merito”, ossia il contenuto, della norma, sul quale si può essere o meno d’accordo, ma anche il metodo, e la forma, cioè a dire il ricorso al voto di fiducia in materie come questa, potrebbe creare un precedente che forse era meglio evitare.

    Paolo B. 11.10.2017

  2. Si poteva fare di meglio, soprattutto la questione dei nominati non è molto democratica. Pazienza, a questo punto meglio così, anche se ci potrebbero essere ancora dei margini, si potrebbe ancora contrattare?

  3. Caro Mauro invece è la fiducia a rendere sicuramente incostituzionale la legge. Cosa dice l’art. 72.4 Cost.? La procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi. Si è approvata con l fiducia una legge elettorale e una norm di delegazione legislativa. Con la tesi dlela Boldrini e tua, siccome l’art. 116.4 del Regolamento Camera non nomina espresamente l leggi costituzionali dall’elenco di quelle per le quali non si possa chiedere la fiducia, puoi modificare la Costituzione con voti dui fiducia. Nemmeno Renzi si è spinto a tanto negando in sede di approvazione finale al Senato della sua deforma costituzionale che si potesse porre la fiducia. Cin tre norme in croce si poteva votare con il Consultellum 1) uniformare le soglie d’accesso Camera e Senato 2) due preferenze di genere al Senato 3) ammettere o negare le coalizioni nelle 2 Camere: mezza giiornata di lavoro per ogni ramo del Parlamento

  4. Caro Mauro perché ti sei dimenticato del tuo ordine del giorno contro l’Itlikum approvato all’unanimità dal Consiglio Nazionale del PSI? Pensa avremmo potuto intestarci l sentenza n. 35/2017 di incostituzionlità dell’Italikum e pesare di più nel centro-sinistra e rilnciarlo come partito di riferimento di una sinistra riformatrice, europeista, autonoma, laica, libertaria, ambientalista e di governo invece di aiutare il PD di Renzi a distruggerlo

Lascia un commento