mercoledì, 19 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:
Austria, una spinta per fare le riforme
Pubblicato il 16-10-2017


L’esito del voto in Austria è un chiaro mandato per realizzare le riforme e i cambiamenti voluti dai cittadini. Il cancelliere in pectore austriaco,Sebastian Kurz,il quale ha raccolto il 31,6% dei voti,è il giovane vincitore di questa tornata elettorale.Il Presidente Van der Bellen ha confermato che il risultato definitivo ci sarà giovedì, dopo lo spoglio dei voti per posta.Il Cancelliere uscente Kern ha sottolineato che in Austria c’è una svolta a destra che non favorisce i movimenti socialdemocratici.Il Partito Popolare(Oevp) con il candidato Kurz ha avuto oltre 7 punti in più  rispetto alle ultime elezioni politiche.Tengono i socialdemocratici(Spoe) del Cancelliere uscente Christian Kern con il 26,9%.

A seguire Heinz Christian Strache,candidato della destra oltranzista che è balzata di 5 punti al 26%.Negli ultimi exit poll si ravvisano proiezioni finali sulla base del 100% dei voti scrutinati,comprese le proiezioni dei   voti all’estero che saranno contati giovedì. I verdi hanno ricevuto una batosta che col 3,9% restano fuori dal Parlamento austriaco,mentre entrano gli scissionisti di Pilz col 4,3%.Guadagnano un seggio i liberali di Neosm con il 5,3%.Il Presidente del Parlamento Europeo,Antonio Tajani,si è congratulato con il leader del partito conservatore austriaco(Ovp),Sebastian Kurz,per la vittoria nelle elezioni generali in Austria.In effetti Kurz, l’enfant prodige, porta l’Austria a destra e con i suoi 31 anni potrebbe diventare il più giovane premier europeo.Da membro del consiglio comunale di Vienna, il Kurz aveva ottenuto il suo primo incarico politico-sottosegretario all’integrazione nel ministero Interno-all’età di 24 anni. A 27 era ministro degli Esteri.Con Strache torna l’incubo neonazista,atteso che potrebbe diventare il vice-Cancelliere austriaco.L’attuale Cancelliere,leader dei socialdemocratici austriaci, il 51enne Christian Kern, ha assunto la leadership del partito il 17 maggio 2016. Kern è un manager,volto noto esterno alle dinamiche dei partiti.Era arrivato alla politica dal mondo degli affari:aveva lavorato nella società energetica austriaca, ed aveva guidato per 6 anni la Rete Ferroviaria in Austria.Anche in Germania,con il voto in Bassa Sassonia,c’è stata la rimonta dee’SPD.I socialdemocratici tedeschi hanno battuto la CDU di Angela Merkel.Il partito di Martin Schulz ha ottenuto il 37,1% dei voti contro il 33,9% della CDU.I verdi si attestano all’8,6%,i liberali al 7,3% mentre la Linke resterebbe fuori dal Parlamento con il 4,6%.L’estrema destra della Afd si è fermata al 6%,ma ha raggiunto l’obiettivo di conquistare seggi anche in questa Land.I socialisti italiani vengono,amio parere,confortati dagli esiti elettorali dei socialdemocratici austriaci,Ancora di più lo sono per il successo regionale in Bassa Sassonia di Martin Schulz.Il primo commento di Sebastian Kurz è stato:Grazie mille per la fiducia.Oggi non è un trionfo sugli altri,ma un’opportunità per il cambiamento.Ci assumiamo la responsabilità con grande umiltà.Nessun dubbio.Ritengo che con la presenza giovanile ai Vertici di Governo sia in Francia con Macron,che in Austria con Kurz si abbassa l’asticella anagrafica sul campo del leader di partito di vecchio conio.

Manfredi Villani

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento